Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 16 ore fa S. Giacomo apostolo

Date rapide

Oggi: 25 luglio

Ieri: 24 luglio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Lira TV - ...e sei protagonistaLira TV

...e sei protagonista

Centro Medico Specialistico Orio - la persona al centro delle nostre cureCesarmeccanica - Concessionaria Ufficiale Maserati e Suzuki - Rivenditore e riparatore autorizzato FerrariLa stazione di servizio pensata su misura per te - Vieni a provare i nostri carburanti

Lira TV

Centro Medico Specialistico Orio - la persona al centro delle nostre cureCesarmeccanica - Concessionaria Ufficiale Maserati e Suzuki - Rivenditore e riparatore autorizzato FerrariLa stazione di servizio pensata su misura per te - Vieni a provare i nostri carburanti

Tu sei qui: CronacaAltavilla, badante uccisa: l’omicida resta in silenzio

Cronaca

Nell'interrogatorio di garanzia, davanti al gip, il presunto assassino fa scena muta

Altavilla, badante uccisa: l’omicida resta in silenzio

La donna fu ritrovata senza vita nella vasca da bagno nello scorso mese di marzo

Scritto da (Francesca De Simone), giovedì 10 dicembre 2020 13:08:24

Ultimo aggiornamento giovedì 10 dicembre 2020 13:08:24

Ha fatto scena muta davanti al gip Gerardo Cappetta, il 51enne finito in carcere con l'accusa di aver ucciso la badante della madre, la 43enne moldava Snejana Bunacalea. La donna era stata ritrovata lo scorso 5 marzo senza vita nella vasca da bagno, nell'abitazione in viveva e lavorava ad Altavilla Silentina. Nel corso dell'interrogatorio davanti al gip Carla Di Filippo, l'uomo, ritenuto responsabile dell'omicidio, si è avvalso della facoltà di non rispondere. Cappetta resta in carcere.

Le prove raccolte dagli inquirenti in questi mesi sono numerose. Tutto parte dall'esame autoptico sul corpo della donna che, lo scorso aprile, rivelò come la natura del decesso. Snejana morì per soffocamento e non a causa di un malore. Nel registro degli indagati furono iscritte due persone, un ristoratore di Altavilla che aveva iniziato a frequentare la donna e Gerardo Cappetta che viveva nella stessa casa con lei, dal momento che la 43enne moldava si prendeva cura di sua madre. E' sul secondo che, però, si sono concentrati subito i sospetti degli investigatori, secondo i quali la gelosia potrebbe rappresentare il movente dell'omicidio.

Si ipotizza che tra la vittima ed il suo presunto assassino possa esserci stato qualche approccio di tipo sentimentale. A scatenare la gelosia di Cappetta potrebbe essere stata quindi la frequentazione della donna con il ristoratore del posto. Nel quadro ipotizzato dagli inquirenti, un appuntamento a cena tra Snejana ed il suo corteggiatore sarebbe stato alla base del litigio con Cappetta, finito poi in tragedia. Il 51enne avrebbe raggiunto la donna nel bagno del primo piano della villetta in cui vivevano e l'avrebbe affogata nella vasca piena d'acqua, per poi alterare la scena del crimine, simulando un incidente prima di chiamare i soccorsi.

Galleria Fotografica

rank:

Cronaca

Cronaca

Crescent: una storia lunga quattordici anni

Ispirato a quello settecentesco di Bath, il Crescent di Salerno, l'emiciclo di cemento ideato dall'architetto catalano Ricardo Bofill, prese forma nel 2007, con le prime delibere della giunta comunale dell'epoca. L'opera, articolata in sei settori con abitazioni, uffici, locali commerciali e box auto...

Cronaca

Cresce ancora il numero dei ricoveri in Campania per il Covid: +5

Cresce per il secondo giorno consecutivo il numero dei ricoveri in Campania per il Covid: al +9 di ieri si somma oggi un +5, con le degenze ordinarie che si attestano a 189. Cala invece lievemente l'occupazione delle terapie intensive (-1), a quota 11. Nel bollettino odierno dell'unità di crisi si segnalano...

Cronaca

"Processo Crescent", De Luca assolto anche in appello

Assoluzione anche in appello per Vincenzo De Luca e per tutti gli imputati del processo Crescent. La sentenza è stata pronunciata oggi dalla Corte d'Appello di Salerno. In questo secondo grado di giudizio la Procura aveva chiesto la condanna dell'ex sindaco di Salerno ad 1 anno e 6 mesi (come per il...

Cronaca

Rissa e lesioni: blitz dei carabinieri nel Salernitano, 11 minori nei guai

Un provvedimento esemplare perché il fenomeno delle risse sta diventando sempre più inquietante e pericoloso: lo dice con chiarezza Patrizia Imperato, Procuratore della Repubblica presso il Tribunale per i Minorenni Salerno, illustrando i dettagli dell'operazione che alle prime luci dell'alba, ha visto...

Aeranti - Associazione delle radio e tv locali, satellitari, via internet, agenzie di informazione e concessionarie pubblicitarie televisivePositano Notizie - Voce dalla Costiera AmalfitanaIl Vescovado - il giornale on line della Costa d'Amalfi