Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 16 ore fa S. Ignazio d'Antiochia

Date rapide

Oggi: 17 ottobre

Ieri: 16 ottobre

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Lira TV - ...e sei protagonistaLira TV

...e sei protagonista

Centro Medico Specialistico Orio - la persona al centro delle nostre cureCesarmeccanica - Concessionaria Ufficiale Maserati e Suzuki - Rivenditore e riparatore autorizzato FerrariLa stazione di servizio pensata su misura per te - Vieni a provare i nostri carburanti

Lira TV

Centro Medico Specialistico Orio - la persona al centro delle nostre cureCesarmeccanica - Concessionaria Ufficiale Maserati e Suzuki - Rivenditore e riparatore autorizzato FerrariLa stazione di servizio pensata su misura per te - Vieni a provare i nostri carburanti

Tu sei qui: CronacaCaso Lavoro.doc: per Attanasio condanna “parziale”. Assolto Bisogni

Cronaca

L’imprenditore di Pontecagnano condannato per autoriciclaggio

Caso Lavoro.doc: per Attanasio condanna “parziale”. Assolto Bisogni

Non è provato il rapporto criminale che avrebbe legato Giovanni Attanasio ed Enrico Bisogni

Scritto da (Andrea Siano), giovedì 21 gennaio 2021 08:10:17

Ultimo aggiornamento giovedì 21 gennaio 2021 08:51:44

La sentenza che ha condannato Giovanni Attanasio a due anni e otto mesi è stata pronunciata dal gup Marilena Albarano all'esito del rito abbreviato con cui l'imprenditore di Pontecagnano è stato giudicato colpevole del solo reato di autoriciclaggio di capitali di sospetta provenienza: in un caso sono stati sottratti ad una società (la Lavoro.doc) e destinati all'acquisto del ramo d'azienda di un supermercato; nel secondo caso documentato dalle indagini, il denaro era finito addirittura all'estero, in una delle società che Attanasio aveva aperto in Danimarca ed Estonia. In entrambe le circostanze, secondo la magistratura i soldi erano frutto di reati economici.

Ma è il venir meno del capo di imputazione principale a far notizia in questa storia che fece scalpore oltre due anni fa, quando Attanasio fu arrestato insieme ad Enrico Bisogni, suo braccio destro e secondo gli inquirenti punto di contatto con elementi del clan Pecoraro. Attanasio, infatti, è stato assolto per capi d'accusa che secondo il pm Vincenzo Senatore avrebbero meritato almeno sette anni di reclusione, ma il gup Albarano non è stata dello stesso avviso, mandando assolto anche Enrico Bisogni perché il fatto non sussiste. In pratica si riteneva che Attanasio e Bisogni fossero legati da un rapporto di lavoro fittizio con il solo scopo di promuovere il riciclaggio dei soldi sporchi del clan Pecoraro, il quale a sua volta raccomandava per posti di lavoro fasulli suoi esponenti detenuti o sottoposti a misure per il solo scopo di fargli ottenere vantaggi penitenziari sulla libertà personale e possibilità di movimento sul territorio. Inoltre, secondo la Procura Bisogni era l'intermediario tramite il quale Attanasio otteneva, con il beneplacito del clan, alcuni appalti.

Accuse cadute in sede processuale, dunque Attanasio non sarebbe il vertice dell'associazione a delinquere descritta da alcuni collaboratori di giustizia, anche se restano i dubbi sulla rete di società costruite per gestire liquidità e beni con intestazioni a più persone e sedi ovunque per aggirare il fisco.

Condanna ad un anno ed otto mesi, invece, per il factotum di Attanasio, Sergio La Rocca ed assoluzione per il collaboratore di giustizia Raffaele Del Pizzo.

Galleria Fotografica

rank:

Cronaca

Cronaca

Piazza della Libertà, nuovo atto vandalico

Non c'è pace per Piazza della Libertà. La nuova meta dello struscio dei salernitani e dei turisti, che si godono l'ottobrata, lasciandosi incantare dal panorama della passeggiata fronte mare con Stazione Marittima e Costiera Amalfitana da un lato e costa cilentana dall'altro a far da cornice a selfie...

Cronaca

Vento, ancora in corso le operazioni di messa in sicurezza in città

Il forte vento degli scorsi giorni è passato ed è il momento di fare la conta dei danni. In città a causa delle violente folate registratesi nelle scorse 48 ore si sono verificati notevoli disagi. Pannelli per l'affissione dei manifesti elettorali divelti, pali abbattuti, rami ed interi tronchi d'albero...

Cronaca

Aumento di vaccinazioni per avere il green pass

Più di 28mila somministrazioni nella sola giornata di giovedì in Campania. Alla vigilia dell'obbligo del green pass sui luoghi di lavoro, c'è stata una corsa al vaccino nella nostra regione ma l'incremento si registra già da inizio ottobre. Anche tra i più restii c'è chi si è convinto a sottoporsi al...

Cronaca

Ricci su green pass: “non si scherza sulla pelle dei lavoratori”

La posizione della Cgil sull'obbligo del green pass è chiara. "Non si può scaricare questa problematica solo sul sindacato e sui lavoratori" dice Nicola Ricci, segretario generale della Cgil Campania. Le parti sociali durante il periodo più duro della pandemia hanno sottoscritto i protocolli per favorire...

Aeranti - Associazione delle radio e tv locali, satellitari, via internet, agenzie di informazione e concessionarie pubblicitarie televisivePositano Notizie - Voce dalla Costiera AmalfitanaIl Vescovado - il giornale on line della Costa d'Amalfi