Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 32 minuti fa S. Lamberto martire

Date rapide

Oggi: 16 aprile

Ieri: 15 aprile

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Lira TV - ...e sei protagonistaLira TV

...e sei protagonista

Centro Medico Specialistico Orio - la persona al centro delle nostre cureCesarmeccanica - Concessionaria Ufficiale Maserati e Suzuki - Rivenditore e riparatore autorizzato FerrariLa stazione di servizio pensata su misura per te - Vieni a provare i nostri carburanti

Lira TV

Centro Medico Specialistico Orio - la persona al centro delle nostre cureCesarmeccanica - Concessionaria Ufficiale Maserati e Suzuki - Rivenditore e riparatore autorizzato FerrariLa stazione di servizio pensata su misura per te - Vieni a provare i nostri carburanti

Tu sei qui: CronacaConfiscati beni al clan Fabbrocino: propaggini nel Cilento e prestanome

Cronaca

È per questo che il Tribunale ha emesso due decreti di sequestro

Confiscati beni al clan Fabbrocino: propaggini nel Cilento e prestanome

È per questo che il Tribunale ha emesso due decreti di sequestro

Scritto da (Andrea Siano), giovedì 29 ottobre 2020 11:26:44

Ultimo aggiornamento giovedì 29 ottobre 2020 11:26:44

Secondo i magistrati dell'Antimafia Antonio Piccirillo, 73 anni, era uno dei prestanome di Francescantonio Fabbrocino e di suo nipote, Mario Fabbrocino. È per questo che il Tribunale ha emesso due decreti di sequestro per la confisca di beni a loro riconducibili, che si ipotizza essere frutto di attività legate al clan.

Il meccanismo dell'interposizione fittizia

Le indagini della Guardia di Finanza hanno consentito di accertare l'occultamento sistematico della titolarità delle ricchezze accumulate con il ricorso all'intestazione fittizia di quote societarie ed immobili ad otto prestanome. Si parla di reimpieghi di somme illecite, nel periodo 2004-2010, per oltre 1,5 milioni di euro. E le persone utilizzate come "schermi", tutte incensurate, godevano di una posizione imprenditoriale tale da far passare inosservati i cospicui flussi finanziari e gli investimenti immobiliari, non lasciando trapelare alcun segnale di irregolarità. Ma gli inquirenti sono riusciti a dimostrare che Francescantonio Fabbrocino continuava di fatto a gestire la contabilità delle aziende ed a mantenere la titolarità dei beni. Le società sequestrate operavano in provincia di Salerno nel settore immobiliare e della grande distribuzione di noti marchi di prodotti alimentari.

I beni sequestrati

Alla base dei provvedimenti di sequestro anche la notevole sproporzione tra i redditi dichiarati e le ricchezze riconducibili ai due Fabbrocino, uno dei quali, anche se agli arresti domiciliari, pur di non rinunciare alla gestione in prima persona degli affari incontrava regolarmente, presso la propria abitazione, collaboratori ed agenti della rete vendite. Sotto sequestro sono finiti 9 complessi aziendali, 53 appartamenti, 4 villini, 17 garage, 8 appezzamenti di terreno e 16 partecipazioni in società di capitale, per un valore complessivo stimato in oltre 13 milioni di euro. L'amministrazione giudiziaria garantirà la continuità aziendale, salvaguardando i posti di lavoro e i contratti in essere.

Il clan

Il clan Fabbrocino è una delle organizzazioni criminali di maggior peso tra il Nolano ed il Vesuviano, facendosi strada anche nel Salernitano senza esitare a sparare. La vocazione imprenditoriale ha cambiato faccia al clan, nel tempo, consentendogli di reinvestire in attività economiche i profitti delle estorsioni e del traffico di droga.

Galleria Fotografica

rank:

Cronaca

Cronaca

Covid, prime riaperture dal 26 aprile. Draghi: "Precedenza a scuole e attività all'aperto"

Dal 26 aprile saranno riattivate le zone gialle in Italia, privilegiando le riaperture delle attività all'aperto. Il governo ha deciso perciò di applicare la norma del decreto legge anti Covid in vigore nelle aree dove le misure di contrasto all'epidemia hanno mostrato di funzionare maggiormente. I ristoranti...

Cronaca

De Luca bacchetta il Governo per le forniture e parla della riapertura dei ristoranti

La Regione Campania ha ricevuto un numero di vaccini pari al 25 per cento della popolazione. Siamo l'ultima in Italia per la fornitura: è una vergogna". Lo ha detto il presidente della Giunta regionale della Campania, Vincenzo De Luca, nel corso del consueto punto sull'emergenza Covid del venerdì . "Ed...

Cronaca

Asl Salerno, online la piattaforma web E-CUP per prenotare online visite specialistiche ed esami diagnostici e pagare online il ticket tramite carte di credito

L'Asl Salerno ha attivato la piattaforma E-CUP, il Cup on-line che consente di prenotare visite e prestazioni e pagare il ticket in maniera comoda e autonoma. Alla piattaforma si accede dalla home page del sito www.aslsalerno.it Con il CUP ON-LINE sarà possibile: - prenotare visite specialistiche ed...

Cronaca

Lieve calo la curva del contagio in Campania

Sono 1.994 i nuovi positivi al Covid in Campania nelle ultime 24 ore di cui 748 sintomatici, su 19.495 tamponi molecolari esaminati. La curva del contagio cala in modo lieve con un indice di positività (relativo ai soli test molecolari) del 10,22% rispetto al 10,94% precedente. Nel bollettino dell'Unità...

Aeranti - Associazione delle radio e tv locali, satellitari, via internet, agenzie di informazione e concessionarie pubblicitarie televisivePositano Notizie - Voce dalla Costiera AmalfitanaIl Vescovado - il giornale on line della Costa d'Amalfi