Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 4 ore fa S. Vittore martire

Date rapide

Oggi: 8 maggio

Ieri: 7 maggio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Lira TV - ...e sei protagonistaLira TV

...e sei protagonista

Centro Medico Specialistico Orio - la persona al centro delle nostre cureCesarmeccanica - Concessionaria Ufficiale Maserati e Suzuki - Rivenditore e riparatore autorizzato FerrariLa stazione di servizio pensata su misura per te - Vieni a provare i nostri carburanti

Lira TV

Centro Medico Specialistico Orio - la persona al centro delle nostre cureCesarmeccanica - Concessionaria Ufficiale Maserati e Suzuki - Rivenditore e riparatore autorizzato FerrariLa stazione di servizio pensata su misura per te - Vieni a provare i nostri carburanti

Tu sei qui: CronacaCoprifuoco e lockdown, in Campania va in piazza la protesta

Cronaca

A Napoli il flashmob pacifico si è trasformato in guerriglia urbana all'arrivo di malintenzionati, espressione dei centri sociali, frange estremiste e malavita

Coprifuoco e lockdown, in Campania va in piazza la protesta

A Salerno sit in e poi corteo di gestori, avventori e partite Iva

Scritto da (Francesca Salemme), sabato 24 ottobre 2020 12:45:12

Ultimo aggiornamento sabato 24 ottobre 2020 12:45:12

Palazzo Santa Lucia sotto assedio, cassonetti incendiati, fumogeni, cori, tafferugli, petardi, carabinieri feriti e una troupe di SkyTg24 aggredita.

Ieri sera, in diretta tv (Rai 3, la nuova trasmissione "Titolo Quinto, ospiti Lucia Annunziata ed il sindaco di Napoli, Luigi De Magistris, ndr) e social, quella che doveva essere soltanto una manifestazione di commercianti napoletani per protestare contro il coprifuoco, si è trasformata in una guerriglia urbana dove gli esercenti sono diventati solo spettatori.

Mergellina, Lungomare Caracciolo e Palazzo Santa Lucia i posti più caldi, dove è stato necessario l'invio dei vigili del fuoco per sedare alcuni roghi.

Su Facebook dal giorno dell'annuncio della chiusura alle 23, erano nati diversi gruppi di dissenso, che annunciavano manifestazioni in strada «fino al mattino», in tutti e cinque i capoluoghi. Ma, se nelle prime ore dell'evento - un flash mob pacifico al grido di "De Luca tu ci chiudi, tu ci paghi" - in strada c'erano per lo più lavoratori, chiamati in piazza da Confcommercio e Confesercenti, dopo la platea dei manifestanti si sono infiltrati i malintenzionati, espressione dei centri sociali, delle frange estremiste e, probabilmente, della malavita con tanto di maschere antigas, manganelli e bombe carta.

Già dalle 22, nel primo assembramento di Largo San Giovanni Maggiore, nei pressi dell'Orientale, la situazione ha cominciato ad evolvere, per poi degenerare non appena sono passate le 23, teoricamente l'orario in cui doveva entrare in vigore il coprifuoco.

Altre proteste contro le decisioni assunte dal presidente De Luca, sono avvenute anche a Salerno, dove già in mattinata si erano dati appuntamento da tutta la provincia in piazza Amendola gli operatori del by night e della ristorazione contro la chiusura anticipata delle attività.

Il sit-in aveva determinato ripercussioni sul traffico per l'intera giornata.

Complici le notizie che arrivavano da Napoli, prima fra tutte quella annunciata dallo stesso De Luca in diretta di una chiusura generalizzata, gli animi si sono nuovamente surriscaldati, anche se sull'ipotesi di un nuovo lockdown il pensiero non è univoco: «Meglio chiuderci ora e farci lavorare a Natale, purché questa volta i ristori siano reali» dicono alcuni...

In serata, poi, dopo le 23, in 150, tra operatori della movida, giovani e partite Iva, si sono ritrovati di nuovo piazza Amendola al grido di «libertà» «De Luca vattene» e «Moriremo di fame. Il lockdown è una follia».

Dopo una mezz'ora i partecipanti si sono mossi in corteo lungo via Roma, via Mercanti, piazza Portanova ed il Corso e strada facendo si sono aggiunti avventori e gestori dei locali appena chiusi.

In serata manifestazioni di protesta anche in alcuni centri della provincia come Eboli e Cava.

Galleria Fotografica

rank:

Cronaca

Cronaca

"Orgoglio campano" così si esprime sulla campagna vaccinale Vincenzo De Luca

"Parla di una campagna di vaccinazione straordinaria", di "orgoglio campano", Vincenzo De Luca durante la consueta diretta del venerdì. In prima battuta il presidente rivendica con orgoglio quelli che, ad oggi, sono i dati delle vaccinazioni in Campania: "Abbiamo superato le 2 milioni di somministrazioni,...

Cronaca

Scende al 4% l’indice di positività al Covid 19 in Campania

Scende al 4% l'indice di positività al Covid 19 in Regione Campania. L'unità di crisi ha diramato il bollettino quotidiano sui contagi in cui si legge che nelle ultime ventiquattro ore sono stati 1.382 i nuovi positivi su 18.779 tamponi molecolari. I guariti nel frattempo sono saliti di 2.177 unità mentre...

Cronaca

La Campania resta gialla

L'Italia diventa sempre più gialla e nessuna regione è più rossa: la Val d'Aosta, l'unica ancora a rischio alto, infatti, diventa arancione. Verso un cambio di colore anche per Calabria, Puglia e Basilicata che passano dall'arancione al giallo. Incerta ancora la situazione per la Sardegna. Le decisioni,...

Cronaca

Smart Card, vaccinati e sicuri

Con l'ordinanza, viene demandata all'Unità di Crisi regionale la predisposizione, di concerto con le associazioni di categoria rappresentative degli operatori economici, dei protocolli attuativi/integrativi delle Linee guida approvate il 28 aprile scorso, prevedendo regole certe di prevenzione, proporzionate...

Aeranti - Associazione delle radio e tv locali, satellitari, via internet, agenzie di informazione e concessionarie pubblicitarie televisivePositano Notizie - Voce dalla Costiera AmalfitanaIl Vescovado - il giornale on line della Costa d'Amalfi