Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 18 ore fa S. Vincenzo diacono

Date rapide

Oggi: 22 gennaio

Ieri: 21 gennaio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Lira TV - ...e sei protagonistaLira TV

...e sei protagonista

Centro Medico Specialistico Orio - la persona al centro delle nostre cureCesarmeccanica - Concessionaria Ufficiale Maserati e Suzuki - Rivenditore e riparatore autorizzato FerrariLa stazione di servizio pensata su misura per te - Vieni a provare i nostri carburanti

Lira TV

Centro Medico Specialistico Orio - la persona al centro delle nostre cureCesarmeccanica - Concessionaria Ufficiale Maserati e Suzuki - Rivenditore e riparatore autorizzato FerrariLa stazione di servizio pensata su misura per te - Vieni a provare i nostri carburanti

Tu sei qui: CronacaCorruzione nella PA, reati “codice rosso” e boss emergenti nel Salernitano

Cronaca

Qual è lo stato di salute della giustizia nel Salernitano?

Corruzione nella PA, reati “codice rosso” e boss emergenti nel Salernitano

Ecco cosa emerge dalla relazione presentata per l’apertura dell’anno giudiziario

Scritto da (Andrea Siano), domenica 31 gennaio 2021 09:01:15

Ultimo aggiornamento domenica 31 gennaio 2021 09:01:50

Qual è lo stato di salute della giustizia nel Salernitano e quali sono i reati che caratterizzano il territorio? Ecco cosa emerge dalla relazione presentata per l'apertura dell'anno giudiziario.

La permeabilità della pubblica amministrazione rispetto ad ingerenze esterne di stampo criminale è uno degli elementi più preoccupanti emersi dalla relazione sullo stato di salute della giustizia Salernitana. D'altronde, le numerose inchieste che hanno riguardato - e riguardano ancora- Comuni e enti locali per reati commessi dai colletti bianchi sono la cartina di tornasole di una pericolosa tendenza che dimostra due cose: l'interesse sempre crescente del malaffare di mettere le mani su appalti e gestione della cosa pubblica da un lato; e la propensione di chi ricopre cariche o uffici pubblici ad essere sempre più "avvicinabile", dall'altro.

Ma era inevitabile che nella relazione illustrata all'apertura dell'anno giudiziario confluissero anche tutti quei reati che - complice la pandemia da Covid - hanno subito un'impennata nel 2020: parliamo di quelli del cosiddetto "codice rosso", dai maltrattamenti in famiglia alla violenza di genere, passando per gli abusi di cui sono bersaglio donne, minori e disabili. Ciò che colpisce è il numero di procedimenti che riguardano i minorenni non solo nelle vesti di vittime ma anche di carnefici: in almeno un centinaio di casi sono loro a vessare coetanei oppure familiari, spesso i genitori. Il lungo lockdown e la crescita esponenziale dell'utilizzo di strumenti tecnologici avanzati hanno fatto da moltiplicatore di reati specifici, che spesso passano attraverso pc, tablet, cellulari ed internet.

Ma il più delle volte le violenze si celano dietro le mura domestiche e tardano ad essere denunciate, così come accade anche per altri reati, come l'usura e l'estorsione. Qui si apre un altro capitolo doloroso che porta a certificare l'escalation delle infiltrazioni criminali nel tessuto economico: dal piccolo commercio fino alla grande distribuzione, il tema dello strozzinaggio e del riciclaggio di capitali sporchi rimane attuale, anzi aggravato dall'emergenza coronavirus. In molti casi, la malavita si è fatta avanti con professionisti, artigiani e commercianti in difficoltà prestando denaro con tassi usurari. Soldi riciclati, poi, in altre attività, come i proventi della droga, che fa la parte del leone in città ed in provincia saldando il crimine dell'agro con il vesuviano, i Picentini con la Piana del Sele ed il Cilento con le ‘ndrine calabresi. Crocevia dei traffici e punto d'approdo è il Porto di Salerno, dove lo stupefacente tira gli affari illeciti insieme a merci contraffatte e contrabbando.

Un dato positivo riguarda il calo di furti e scippi in tutto il Salernitano ma allarma il fattore rapine: tante, troppe anche in piena crisi Covid. La morsa delle forze dell'ordine si stringerà ancora.

Galleria Fotografica

rank:

Cronaca

Cronaca

Salerno piange la scomparsa di Alessandro Nisivoccia

La sua visione del teatro mancherà agli amanti di una delle arti più antiche che lui ha valorizzato a Salerno nel segno della tradizione e anche dell'innovazione. Al di là dell'artista, Alessandro Nisivoccia mancherà alle tante persone che, nella loro vita, hanno avuto modo di conoscere un uomo colto...

Cronaca

Furti ai morti in ospedale, i familiari pretendono chiarezza

Al dolore per la morte del proprio caro si aggiunge l'amarezza per la scomparsa dei suoi oggetti. Oltre alla persona si perdono anche i suoi ricordi ed aumenta lo sconforto dei familiari. Ieri vi abbiamo raccontato la triste storia di Annunziato Scannapieco, morto all'ospedale Ruggi di Salerno il 20...

Cronaca

Covid, muore medico del 118: altri tremila casi nel salernitano

Si occupava dei suoi malati senza risparmiarsi e aveva deciso di restare in prima linea per prendersi cura dei suoi pazienti, ma il Covid se l'è portato via: Giuseppe Comodo, 68 anni, medico del 118, è un'altra vittima del maledetto virus che continua ad insinuarsi nelle nostre vite. La comunità di Pontecagnano...

Cronaca

Aeroporto Salerno - Costa d’Amalfi, aggiudicata progettazione del nuovo Terminal Passeggeri: nel 2024 l’apertura

Arriva un nuovo step per l'Aeroporto Salerno - Costa d'Amalfi, a cui apertura è prevista tra due anni: Gesac ha comunicato, attraverso una nota ufficiale, che è stata aggiudicata la progettazione del nuovo Terminal Passeggeri e di altre opere strategiche per lo scalo salernitano. Si prosegue, dunque,...

Aeranti - Associazione delle radio e tv locali, satellitari, via internet, agenzie di informazione e concessionarie pubblicitarie televisivePositano Notizie - Voce dalla Costiera Amalfitana