Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 11 ore fa S. Feliciano vescovo

Date rapide

Oggi: 24 gennaio

Ieri: 23 gennaio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Lira TV - ...e sei protagonistaLira TV

...e sei protagonista

Centro Medico Specialistico Orio - la persona al centro delle nostre cureCesarmeccanica - Concessionaria Ufficiale Maserati e Suzuki - Rivenditore e riparatore autorizzato FerrariLa stazione di servizio pensata su misura per te - Vieni a provare i nostri carburanti

Lira TV

Centro Medico Specialistico Orio - la persona al centro delle nostre cureCesarmeccanica - Concessionaria Ufficiale Maserati e Suzuki - Rivenditore e riparatore autorizzato FerrariLa stazione di servizio pensata su misura per te - Vieni a provare i nostri carburanti

Tu sei qui: CronacaCovid, due farmaci antiatritici diminuiscono la mortalità nei pazienti gravi

Cronaca

Fu Paolo Ascierto - dell'Istituto Pascale di Napoli, il primo, l'anno scorso, ad utilizzarli

Covid, due farmaci antiatritici diminuiscono la mortalità nei pazienti gravi

Lo studio clinico Remap-Cap analizza l'utilizzo di tocilizumab e sarilumab

Scritto da (Francesca Salemme), venerdì 22 gennaio 2021 18:32:15

Ultimo aggiornamento sabato 23 gennaio 2021 09:03:40

Buone notizie dal Regno Unito: i risultati dello studio clinico Remap-Cap, resi pubblici dal governo, raccontano che la somministrazione di tocilizumab e sarilumab, due farmaci impiegati per il trattamento dell'artrite reumatoide, a pazienti Covid-19 in condizioni critiche diminuisca il tasso di mortalità rispetto alle cure standard dal 36% al 27%. Inoltre le persone trattate hanno potuto lasciare l'ospedale fino a 10 giorni prima.

Un'intuizione che aveva già avuto il professor Paolo Ascierto, direttore dell'Unità di oncologia melanoma, immunoterapia oncologica e terapie innovative dell'Istituto tumori Irccs Fondazione Pascale di Napoli, che per primo ha utilizzato il farmaco anti-artrite reumatoide tocilizumab nel trattamento della polmonite interstiziale da Covid-19, intuendo che il medicinale potesse avere effetto frenando la 'tempesta citochinica' nei pazienti colpiti dal virus, una iper-risposta infiammatoria che può essere appunto bersagliata con terapie anti-artrite.

Nell'ultimo anno i medici hanno imparato che il maggiore pericolo dell'infezione da coronavirus deriva dalla reazione spropositata del sistema immunitario di alcuni pazienti, che nel tentativo di debellare l'infezione provoca uno stato di iper-infiammazione che danneggia tessuti e organi. Capito questo, sono partite diverse sperimentazioni per valutare gli effetti del ricorso a farmaci antinfiammatori sull'evoluzione della malattia da coronavirus, ma finora solo l'impiego di cortisonici come il desametadone aveva dato qualche prova di efficacia in caso di malattia grave e critica.

Lo studio internazionale ha coinvolto in totale 800 pazienti con Covid-19. Metà di loro è stata curata secondo il trattamento standard, l'altra metà, invece, ha ricevuto in aggiunta tocilizumab o sarilumab. Mentre nel gruppo in terapia standard la mortalità si è attestata al 36%, nel braccio del trial con trattamento aggiuntivo la mortalità si è fermata al 27%. Una riduzione significativa.

Inoltre i pazienti trattati si sono ripresi più velocemente e sono stati in grado di lasciare l'ospedale da 6 a 10 giorni prima rispetto a quelli nel ramo di controllo.

"Questo è un significativo passo avanti per aumentare la sopravvivenza dei pazienti in terapia intensiva con COVID-19", ha commentato Jonathan Van-Tam, vicedirettore sanitario (Deputy Chief Medical Officer). "I dati mostrano che tocilizumab e probabilmente sarilumab (per il quale esistono meno dati, ndr) accelerano e migliorano le probabilità di recupero in terapia intensiva, che è fondamentale per aiutare ad alleviare la pressione su terapia intensiva e ospedali e per salvare vite umane".

rank:

Cronaca

Cronaca

Vaccini, Asl Salerno: oltre due milioni e 200mila dosi somministrate

La provincia di Salerno ha superato i due milioni e duecentomila dosi di vaccino inoculate, tra prime e seconde dosi e booster: sono i numeri forniti dall'Asl nel report settimanale. Ora si proverà ad accelerare per i richiami nella fascia 12-18, grazie al supporto delle scuole. Al LiraTg l'intervista...

Cronaca

Contagi, picco superato

Salerno ha oltrepassato il picco ed è in decrescita: è quanto emerge dalle analisi della curva dell'epidemia di Covid 19 nelle province italiane del matematico Giovanni Sebastiani, dell'Istituto per le Applicazioni del Calcolo 'M.Picone', del Consiglio Nazionale delle Ricerche (Cnr). I contagi rallentano...

Cronaca

Scafati, colpi di pistola contro la saracinesca di un negozio d’abbigliamento

Alcuni colpi di pistola sono stati esplosi la notte scorsa contro la saracinesca di un negozio di abbigliamento di Scafati. L'intimidazione si è consumata in via Martiri d'Ungheria, il negozio era stato inaugurato solo pochi mesi fa. I carabinieri, intervenuti sul posto, hanno avviato le indagini e hanno...

Cronaca

Oltre 14mila casi in Campania, ricoveri in aumento

Sono 14.416 i casi positivi al Covid in Campania, di cui 9.765 positivi all'antigenico e 4.651 al molecolare, su 93.955 test esaminati (antigenici 60.497; molecolari: 33.498).Leggermente in rialzo il tasso di incidenza che ieri era pari al 15,05% ed oggi sale al 15,34%. Quattordici i decessi nelle ultime...

Aeranti - Associazione delle radio e tv locali, satellitari, via internet, agenzie di informazione e concessionarie pubblicitarie televisivePositano Notizie - Voce dalla Costiera Amalfitana