Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 25 minuti fa S. Damiano Martire

Date rapide

Oggi: 26 settembre

Ieri: 25 settembre

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Lira TV - ...e sei protagonistaLira TV

...e sei protagonista

Lira TV

Tu sei qui: CronacaE ora si gioca la partita della riapertura della circolazione interregionale

Cronaca

E ora si gioca la partita della riapertura della circolazione interregionale

Scritto da (admin), venerdì 29 maggio 2020 17:24:41

Ultimo aggiornamento venerdì 29 maggio 2020 17:25:46

In Italia nessuna situazione critica relativa all’epidemia da coronavirus. Il giudizio dell’Istituto superiore di sanità sulle riaperture è arrivato calcolando il risultato del monitoraggio degli indicatori (21) della cd Fase2 tra il 18 e il 24 maggio. Anche se la casistica è molto eterogenea nel territorio nazionale, più o meno in tutte le regioni gli indici di trasmissibilità Rt sono al di sotto di 1 e il trend dei nuovi casi è in diminuzione. Laddove il numero di casi è ancora elevato risulta comunque in fase di controllo. In altre zone, invece, il numero di casi è molto limitato per questo dall’Iss raccomandano «cautela specialmente nel momento in cui dovesse aumentare il movimento di persone sul territorio nazionale». La decisione finale sugli spostamenti tra regioni spetta ora al Governo – già in possesso dei dati dalla mattinata di oggi. Il ministro della Salute Speranza e il ministro per gli Affari regionali Boccia dovranno ora incontrare i presidenti delle regioni per capire come riaprire. «I dati del monitoraggio sono incoraggianti. I sacrifici importanti del lockdown hanno prodotto questi risultati. Dobbiamo continuare sulla strada intrapresa con gradualità e cautela», ha affermato Speranza commentando i dati. Ma se alcune Regioni come il Veneto fremono per riaprire i confini, altre come la Toscana invitano alla cautela, e altre ancora alzano muri. È il caso della Sicilia: l’isola resterà blindata almeno fino al 7 giugno per effetto di un’ordinanza regionale e della Regione Sardegna che insiste sui controlli sanitari in entrata. La Campania, ha detto oggi in diretta De Luca, deciderà solo «il 2 giugno» in base ai dati come comportarsi con le altre regioni, «di certo se il governo riaprirà i confini lui dovrà adeguarsi. Ma mantenendo sempre una «vigilanza attiva». Chiaramente sono paure legate a un esodo dal Nord e in particolare dalla Lombardia (a cui appartengono il 64% dei nuovi contagi) anche vista la scarsità di tamponi e le incertezze sui numeri. Per risolvere la tensione tra stato e regioni ed evitare un rinvio, era spuntata l’ipotesi di una quarantena breve: quattro o cinque giorni necessari per escludere che una persona abbia contratto il virus. Una regola che in caso andrebbe applicata anche a chi viene in Italia dall’estero, per evitare che gli stranieri siano più "liberi" degli italiani. Dal 3 giugno infatti, salvo nuovi rimandi, dovrebbe essere possibile venire in Italia senza quarantena da tutti i paesi dell’area Schengen (più il Regno Unito). Lo stesso non vale automaticamente per chi dall’Italia si dirige all’estero: per il momento Germania e Francia dovrebbero fare altrettanto a partire dal 15 giugno, mentre il Regno Unito e la Spagna hanno confermato che da giugno tutte le persone in entrata dovranno passare due settimane in quarantena.

Galleria Fotografica

rank:

Cronaca

Cronaca

Campagna, due arresti

Nella notte, i militari della Sezione Radiomobile della Compagnia Carabinieri di Eboli hanno arrestato in flagranza di reato due uomini, rispettivamente di 73 e 56 anni che poco prima si erano introdotti all'interno di una proprietà privata, a Campagna, località Quadrivio. Questi, dopo aver forzato il...

Cronaca

Covid, De Luca: "facciamo uno sforzo, tutti"

Il Governatore, ieri, ha snocciolato i dati relativi all'ultima settimana: dal 16 settembre, 186 casi, poi 195, 208, 158, 171, il 21 settembre scorso primo preoccupante picco, con 242 casi, poi 156, il 23 248, ieri il triste record dei 253 casi con sette mila e oltre tamponi fatti e con una percentuale...

Cronaca

Scuola post Covid, disciplinati gli "attestati di guarigione" in caso di contagio

"La Campania è la regione più delicata ed esposta d'Italia perché è quella che ha la maggiore densità abitativa. Ed ora abbiamo un problema in più: l'apertura dell'anno scolastico. Il dovere di essere rigorosi è assoluto se vogliamo garantire la serenità delle nostre famiglie". Così ieri il presidente...

Cronaca

La vicinanza del Presidente Strianese ai comuni colpiti dal maltempo

La vicinanza del Presidente Strianese ai comuni colpiti dal maltempo Allerta arancione in sette regioni italiane:da Nord a Sud Italia, è allarme maltempo. Danni in varie città e stamattina una tromba d'aria si è abbattuta anche a Salerno, nella zona orientale colpendo soprattutto il quartiere di Torrione....

Aeranti - Associazione delle radio e tv locali, satellitari, via internet, agenzie di informazione e concessionarie pubblicitarie televisivePositano Notizie - Voce dalla Costiera AmalfitanaIl Vescovado - il giornale on line della Costa d'Amalfi