Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 7 ore fa S. Paola vedova

Date rapide

Oggi: 26 gennaio

Ieri: 25 gennaio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Lira TV - ...e sei protagonistaLira TV

...e sei protagonista

Centro Medico Specialistico Orio - la persona al centro delle nostre cureCesarmeccanica - Concessionaria Ufficiale Maserati e Suzuki - Rivenditore e riparatore autorizzato FerrariLa stazione di servizio pensata su misura per te - Vieni a provare i nostri carburanti

Lira TV

Centro Medico Specialistico Orio - la persona al centro delle nostre cureCesarmeccanica - Concessionaria Ufficiale Maserati e Suzuki - Rivenditore e riparatore autorizzato FerrariLa stazione di servizio pensata su misura per te - Vieni a provare i nostri carburanti

Tu sei qui: CronacaEmergenza Covid: 75 incassano a Salerno buoni spesa senza averne diritto

Cronaca

Altri accertamenti proseguono

Emergenza Covid: 75 incassano a Salerno buoni spesa senza averne diritto

Sono stati individuati dalla Guardia di Finanza

Scritto da (Andrea Siano), martedì 24 novembre 2020 10:35:25

Ultimo aggiornamento martedì 24 novembre 2020 10:35:25

Comune di Salerno e Guardia di Finanza già dallo scorso mese di aprile avevano stretto un accordo per controlli serrati sull'erogazione dei buoni spesa: l'obiettivo era scovare eventuali furbetti che ne avevano fatto richiesta, pur non avendo i requisiti. È così che al termine di un primo livello di riscontri documentali sono stati individuati 75 cittadini del capoluogo che hanno illegittimamente percepito i "buoni spesa Covid", per l'acquisto di generi di prima necessità durante il precedente lockdown.

L'intervento di protezione sociale rientra tra le misure di sostegno varate dal Governo per contenere gli effetti negativi della pandemia. Nello specifico, circa 800 mila euro sono stati destinati al Comune di Salerno, che ha avuto il delicato compito di distribuirli alle famiglie più bisognose, in base ai requisiti reddituali e patrimoniali fissati nel bando.

Dopo un preliminare esame delle domande, il Comune ha riconosciuto il beneficio ad oltre 3.000 nuclei familiari, assegnando a ciascuno dei capifamiglia due buoni dal valore di 50 euro, più uno per ogni congiunto a carico. Tutte le richieste accolte sono state poi passate ai Finanzieri della Compagnia di Salerno che, sulla base di un'analisi di rischio, hanno selezionato 300 posizioni, sulle quali si sono concentrati i successivi approfondimenti. Incrociando gli elementi dei data-base in uso, le Fiamme Gialle hanno così scoperto le 75 istanze incomplete o non rispondenti al vero, per un ammontare complessivo che supera i 21 mila euro.

Le irregolarità riguardano la concessione plurima del buono spesa allo stesso nucleo familiare: emblematico il caso di una famiglia che ha ottenuto 32 buoni spesa, sulla scorta di domande presentate da quattro dei sette membri, ognuno dei quali ha in questo modo intascato 400 euro. In altri casi, qualcuno ha omesso di dichiarare il reddito di cittadinanza o la cassa integrazione in deroga. Neppure sono mancati coloro che hanno ridimensionato il proprio nucleo familiare, non facendo risultare chi aveva un regolare stipendio o già beneficiava di indennità (come quella di invalidità). C'è pure chi ha attestato che il figlio era disoccupato, quando invece gestiva un'attività di ristorazione ben avviata in città.

Le irregolarità accertate sinora sono state segnalate al Comune di Salerno, che dovrà ora chiedere l'immediata restituzione degli importi indebitamente percepiti. Alcuni dei trasgressori hanno già ammesso tutto, pagando in aggiunta una sanzione pecuniaria pari all'ammontare dei buoni ricevuti senza averne titolo. Negli altri casi, trascorsi inutilmente 60 giorni dall'accertamento delle irregolarità, sarà interessata la Prefettura di Salerno, che comminerà una sanzione pari al triplo del valore di partenza dei buoni spesa.

Galleria Fotografica

rank:

Cronaca

Cronaca

Congresso Straordinario UGL-UTL Napoli

La segreteria UGL-UTL ha convocato un congresso straordinario per domani 27 gennaio alle ore 9.30 presso la sede in Via Arenaccia 29 a Napoli. Nel segnare la fine della gestione commissariale, la cui positività attività consente il ritorno ordinarietà della UTL di Napoli, questo congresso rappresenterà...

Cronaca

Guasto idrico nel Basso Sele: disagi nel Salernitano

L'ASIS, gestore dell'adduttrice dell'acquedotto del Basso Sele, comunica che a causa di improvvisa rottura della condotta in località "Selva Nera" nel Comune di Postiglione ,è stata sospesa la fornitura ai serbatoi di Salerno Sistemi SpA a partire dalle ore 23,00 di ieri 25 gennaio e che il presumibile...

Cronaca

Dichiarazione Servalli e Senatore su indagini Procura Nocera

In relazione alle indagini della Procura di Nocera e al sequestro operato dalla Guardia di Finanza, l'ufficio comunicazione del Comune di Cava de' Tirreni ha diramato la seguente nota congiunta del sindaco Servalli e dell'assessore Senatore: «Abbiamo ricevuto un provvedimento della Procura della Repubblica...

Cronaca

Ritorno a scuola delle superiori: tavolo coordinato dal Prefetto

Il Prefetto di Salerno Francesco Russo ed i sindaci discutono del piano trasporti in vista del ritorno in classe di una parte degli studenti delle scuole superiori. Intanto il Comune capoluogo schiera la protezione civile in funzione anti-assembramento. Per l'intera Provincia di Salerno sono previste...

Aeranti - Associazione delle radio e tv locali, satellitari, via internet, agenzie di informazione e concessionarie pubblicitarie televisivePositano Notizie - Voce dalla Costiera AmalfitanaIl Vescovado - il giornale on line della Costa d'Amalfi