Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 16 ore fa S. Domenico di Guzman

Date rapide

Oggi: 8 agosto

Ieri: 7 agosto

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Lira TV - ...e sei protagonistaLira TV

...e sei protagonista

Centro Medico Specialistico Orio - la persona al centro delle nostre cureCesarmeccanica - Concessionaria Ufficiale Maserati e Suzuki - Rivenditore e riparatore autorizzato FerrariLa stazione di servizio pensata su misura per te - Vieni a provare i nostri carburanti

Lira TV

Centro Medico Specialistico Orio - la persona al centro delle nostre cureCesarmeccanica - Concessionaria Ufficiale Maserati e Suzuki - Rivenditore e riparatore autorizzato FerrariLa stazione di servizio pensata su misura per te - Vieni a provare i nostri carburanti

Tu sei qui: CronacaEstorsioni, “stese” e paura: così agiva il gruppo di Stellato

Cronaca

L’obiettivo era quello di ricreare una nuova leadership criminale nella zona orientale

Estorsioni, “stese” e paura: così agiva il gruppo di Stellato

L’inchiesta della DDA, sfociata con i numerosi arresti di ieri, ha fatto luce sul gruppo messo su da Stellato

Scritto da (Francesca De Simone), venerdì 1 luglio 2022 12:35:59

Ultimo aggiornamento venerdì 1 luglio 2022 12:35:59

Voleva rimettere in piedi un gruppo criminale per dominare e controllare lo spaccio a Pastena, e per farlo non esitava anche a lasciarsi andare a gesti plateali, come quelli immortalati dagli occhi delle telecamere in strada, quando passeggiava a torso nudo con tanto di kalashnikov in mano: le foto di Giuseppe Stellato furono diffuse dai Carabinieri del Comando Provinciale lo scorso anno, quando finì di nuovo in carcere, per gli episodi di due anni fa. Lui e il figlio Domenico erano stati ritenuti responsabili della "gambizzazione" del pusher "Scriscietto". Gli inquirenti sottolinearono già in quell'occasione come "Papacchione" si sentisse ormai così intoccabile nel suo territorio da arrivare a sparare in pieno giorno e in un locale pubblico senza nemmeno coprirsi il viso, a differenza di quanto fatto dal figlio che indossava un casco integrale.

La complessa e articolata attività di indagine attorno alla sua figura ha consentito di arrivare ai numerosi arresti eseguiti ieri su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia. Diversi i reati contestati, a vario titolo, ai componenti del gruppo: in trentotto sono finiti nei guai. L'intento era quello di controllare la zona orientale ricreando una nuova leadership criminale. Vari i filoni di indagine confluiti nell'inchiesta. Tra questi, a suscitare scalpore la vicenda della truffa ai genitori di un tifoso della Salernitana morto in un incidente stradale messa in piedi da un avvocato ed un ultras. Avrebbero approfittato della famiglia del giovane, nel momento del dolore, per appropriarsi, tramite fatture false, di una cospicua somma di denaro, 160mila euro, proveniente dalla liquidazione dell'assicurazione.

Galleria Fotografica

rank:

Cronaca

Cronaca

Ambulanze ancora in fila

Sempre la stessa scena che si ripete con preoccupante frequenza. File di ambulanze all'esterno del pronto soccorso dell'ospedale Ruggi di Salerno. Un problema esistente da tempo, da troppo tempo. Andrebbe risolto immediatamente per assicurare assistenza ai cittadini e consentire anche agli operatori...

Cronaca

Pomeriggio di follia a Pontecagnano

Va in escandescenza ed aggredisce persone e cose. Momenti di grande paura a Sant'Antonio di Pontecagnano dove un 42enne, in evidente stato di alterazione, ha perso la calma a causa forse di motivi sentimentali e di un presunto tradimento. Il pomeriggio di follia è iniziato quando l'uomo, già noto alla...

Cronaca

Incidente a Fuorni, perde la vita 26enne di San Cipriano

Un'altra giovane vita spezzata, un'altra famiglia distrutta dal dolore e una intera comunità sotto shock. Vincenzo Esposito, 26enne, di San Cipriano Picentino, stava tornando dal lavoro in sella al suo scooter quando per cause che ancora non si conoscono ha perso il controllo del mezzo ed è finito in...

Cronaca

Tragedia al parco acquatico, non è stato un malore

E' stato eseguito ieri dal medico legale, Carlo Santullo, nominato dalla Procura di Salerno, l'esame autoptico sul corpo del 12enne di Pompei, deceduto sabato mattina in un parco giochi acquatico di Battipaglia. L'esito dell'esame, al quale ha preso parte anche il dottore Giovanni Zotti, nominato invece...

Aeranti - Associazione delle radio e tv locali, satellitari, via internet, agenzie di informazione e concessionarie pubblicitarie televisivePositano Notizie - Voce dalla Costiera Amalfitana