Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 1 ora fa S. Marco solitario

Date rapide

Oggi: 24 ottobre

Ieri: 23 ottobre

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Lira TV - ...e sei protagonistaLira TV

...e sei protagonista

Centro Medico Specialistico Orio - la persona al centro delle nostre cureCesarmeccanica - Concessionaria Ufficiale Maserati e Suzuki - Rivenditore e riparatore autorizzato FerrariLa stazione di servizio pensata su misura per te - Vieni a provare i nostri carburanti

Lira TV

Centro Medico Specialistico Orio - la persona al centro delle nostre cureCesarmeccanica - Concessionaria Ufficiale Maserati e Suzuki - Rivenditore e riparatore autorizzato FerrariLa stazione di servizio pensata su misura per te - Vieni a provare i nostri carburanti

Tu sei qui: CronacaFallimento Yele: indagini per peculato e bancarotta fraudolenta

Cronaca

L'inchiesta condotta dalla Guardia di Finanza su coordinamento della Procura di Vallo della Lucania

Fallimento Yele: indagini per peculato e bancarotta fraudolenta

Sono 29 gli indagati, sequestrati beni per 20 milioni

Scritto da (Andrea Siano), venerdì 28 agosto 2020 10:59:00

Ultimo aggiornamento venerdì 28 agosto 2020 10:59:00

L'operazione ‘Piazza Pulita' ha permesso alla Guardia di Finanza e alla Procura della Repubblica di Vallo della Lucania di fare luce sul fallimento della Yele, società tra le più importanti della Campania nel settore della gestione dei rifiuti. Le fiamme gialle hanno scoperto un buco da oltre 30 milioni nei bilanci, con grave pregiudizio per i creditori e l'Erario. Sono 29 gli indagati, tra amministratori, componenti degli organi di vigilanza e consulenti e ben 45 ipotesi di reato: dalla bancarotta fraudolenta, alla frode fiscale, al peculato, fino al falso in bilancio.

La storia di Yele spa

La società consortile è nata nel ‘98 per il servizio d'igiene urbana in 49 Comuni del basso Cilento ed era detenuta in larga maggioranza dal "Co.Ri.Sa.4", consorzio nato per fronteggiare l'emergenza rifiuti. In tutto questo tempo, Yele ha curato- direttamente o tramite cooperative- raccolta, trasporto e smaltimento dei rifiuti, arrivando ad un organico di 263 unità. Dal 2013, però, sono iniziati i problemi, con un'esposizione debitoria determinata dalla mancata riscossione dei crediti - divenuti poi inesigibili - nei confronti dei Comuni. E sono divenute ricorrenti le omissioni sia nel versamento delle imposte dovute sia delle previste ritenute d'acconto, previdenziali ed assistenziali.

La crisi finanziaria

La profonda instabilità finanziaria ha condotto la società dapprima alla liquidazione, disposta dal Tribunale di Napoli nel 2018, e successivamente al fallimento, dichiarato con sentenza del Tribunale di Vallo della Lucania il 30 ottobre. Le vicende societarie sono state al centro di 33 diversi procedimenti penali, poi riuniti in un'unica indagine affidata alle Fiamme Gialle vallesi. È emersa la sistematica inadempienza degli obblighi verso istituti di credito e finanziarie che avevano erogato la "cessione del quinto" ai dipendenti della Yele. Per non parlare di quanto scoperto in merito a fatture relative a lavori di manutenzione: veicoli di proprietà di alcuni dipendenti riparati interamente a spese della società. Inoltre, parte dei servizi erano affidati in subappalto a cooperative, senza autorizzazione, facendo fronte ai debiti erariali con l'indebita compensazione di crediti inesistenti o comunque non spettanti. La massa debitoria accertata dai Finanzieri ammonta ad oltre 30 milioni di euro, ai quali devono poi aggiungersi i 10 relativi alle condotte distrattive poste in essere in pregiudizio dei creditori. È per questo che è stato disposto il sequestro preventivo di beni per oltre 20 milioni di euro.

Galleria Fotografica

rank:

Cronaca

Cronaca

Divisi alla meta

L'auspicio è che si possa giungere "divisi alla meta". Seppur divisi, ma alla meta, cioè al superamento di un'emergenza sanitaria che - se nella prima ondata, tutto sommato, ha risparmiato la Campania - in questo successivo tsunami di contagi fa registrare progressive impennate a dir poco preoccupanti:...

Cronaca

De Luca: “Per l’Italia deciderà il governo, per la Campania faremo quello che riteniamo giusto"

La Campania verso il lockdown: ad annunciarlo, nel corso della consueta diretta facebook del venerdì, è stato il presidente della Regione Vincenzo De Luca che ha parlato di una "chiusura totale", fatta eccezione per le attività essenziali. Una decisione che il governatore ha accompagnato con la richiesta...

Cronaca

Dati Campania: 2.280 nuovi contagi

I numeri dell'epidemia li aveva anticipati il governatore Vincenzo De Luca nella consueta diretta del venerdì. L'Unità di Crisi regionale non ha fatto altro che certificare il quadro allarmante esposto dal presidente: 2.180 tamponi positivi sui 15.801 effettuati. Si tratta del numero più alto da quando...

Cronaca

+++ COVID-19, DE LUCA: "E' INDISPENSABILE DECIDERE SUBITO IL LOCKDOWN"+++

Il Presidente della Regione Campania chiede al Governo nazionale il lockdown totale «I dati attuali sul contagio rendono inefficace ogni tipo di provvedimento parziale. È necessario chiudere tutto, fatte salve le categorie che producono e movimentano beni essenziali (industria, agricoltura, edilizia,...

Aeranti - Associazione delle radio e tv locali, satellitari, via internet, agenzie di informazione e concessionarie pubblicitarie televisivePositano Notizie - Voce dalla Costiera AmalfitanaIl Vescovado - il giornale on line della Costa d'Amalfi