Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 15 ore fa S. Ulderico vescovo

Date rapide

Oggi: 4 luglio

Ieri: 3 luglio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Lira TV - ...e sei protagonistaLira TV

...e sei protagonista

Centro Medico Specialistico Orio - la persona al centro delle nostre cureCesarmeccanica - Concessionaria Ufficiale Maserati e Suzuki - Rivenditore e riparatore autorizzato FerrariLa stazione di servizio pensata su misura per te - Vieni a provare i nostri carburanti

Lira TV

Centro Medico Specialistico Orio - la persona al centro delle nostre cureCesarmeccanica - Concessionaria Ufficiale Maserati e Suzuki - Rivenditore e riparatore autorizzato FerrariLa stazione di servizio pensata su misura per te - Vieni a provare i nostri carburanti

Tu sei qui: CronacaHa partorito prematuramente la giovane madre di Ascea malata di Covid

Cronaca

Necessario un cesareo perché troppo pericoloso per entrambe continuare la gestazione

Ha partorito prematuramente la giovane madre di Ascea malata di Covid

Adesso madre e figlia lottano per la vita in due reparti di terapia intensiva del nuovo Policlinico

Scritto da (Francesca Salemme), sabato 21 agosto 2021 10:49:15

Ultimo aggiornamento sabato 21 agosto 2021 10:49:15

Ha partorito poco dopo il suo arrivo al nuovo Policlinico di Napoli, la 26enne di Ascea positiva al Covid 19.

E lei e la neonata rischiano la vita: la bambina, venuta alla luce prematuramente, dopo sole 26 settimane di gestazione; la mamma, con una polmonite bilaterale da coronavirus, severa.

«Viste le gravi condizioni in cui versava la giovane madre - ha spiegato il dottor Giuseppe Bifulco, direttore del dipartimento materno infantile dell'Azienda ospedaliera Federico II di Napoli - si è deciso di far nascere subito la bambina, che è chiaramente in condizioni critiche. Tra una decina di giorni si vedrà se ci saranno complicazioni».

«Ancora una volta - ribadisce dal canto suo il dottor Salvatore Ronsini, primario del reparto di Ginecologia del San Luca di Vallo della Lucania, dove inizialmente la donna era stata ricoverata e da cui è stata poi trasferita al Policlinico partenopeo - rinnovo l'appello a tutte le donne incinte: non devono avere paura della vaccinazione, non devono aspettare e farla subito, sappiamo che non succede nulla a loro e al feto. Anzi, i dati scientifici dimostrano che una donna che aspetta un bambino ha più probabilità di ammalarsi gravemente di Covid rispetto a una donna della stessa età non in gravidanza. Non solo: ha anche maggiori probabilità di ricovero in terapia intensiva. L'infezione, come se non bastasse, si associa inoltre a un maggior rischio di complicanze come il parto prematuro».

Come in questo caso.

La donna, ricordiamo, è risultata positiva al Covid 19 alla 26esima settimana di gravidanza e non si era ancora sottoposta alla vaccinazione. Proprio per il suo stato di maternità sembra che le abbiano sconsigliato di vaccinarsi. La gravidanza, peraltro, era andata avanti senza problemi fino ad una decina di giorni fa quando ha iniziato a manifestare i primi sintomi del Covid. Subito dopo ferragosto è arrivata al pronto soccorso del presidio ospedaliero di Vallo con difficoltà respiratorie. Nei primi giorni è stata ricoverata nel reparto di emergenza, poi per l'aggravarsi delle sue condizioni i sanitari ne hanno disposto in trasferimento in terapia intensiva.

Il feto stava bene ma per le condizioni della madre, si è deciso di trasferirla a Napoli dove attualmente ci sono otto donne incinte non vaccinate e con il covid in clinica ostetrica, due in terapia intensiva e due in malattia infettive.

Galleria Fotografica

rank:

Cronaca

Cronaca

Covid, preoccupa il nuovo picco di contagi

Oltre 11 mila contagi in Campania, 2 mila in provincia di Salerno, 500 in città. Il Covid corre e la nuova variante della Omicron rischia di scompaginare i piani, tanto che non solo è stato riaperto il reparto specifico al Da Procida (rinviata l'apertura prevista a partire dal primo luglio dell'Unità...

Cronaca

La storia si ripete, ennesimo incidente all'incrocio maledetto

Nella notte si è verificato un altro incidente stradale, a Salerno, in pieno centro. All'incrocio tra Corso Garibaldi e via dei Principati due auto si sono scontrate violentemente per cause ancora da accertare. Nonostante il violento impatto, i conducenti dei due veicoli, un ragazzo ed una ragazza, non...

Cronaca

Tragedia sfiorata sulla tangenziale di Salerno

Stanotte si è verificato un incidente stradale lungo la tangenziale di Salerno. All'altezza dell'uscita San Leonardo, in direzione Sud, 4 persone, tutte originarie di Avellino, sono rimaste ferite dopo che la vettura su cui viaggiavano è uscita di strada, forse dopo essere stata tamponata. Sul posto...

Cronaca

Città Pubblica, presentato a Pontecagnano il nuovo direttivo

Un movimento civico, riformista e liberale, che induca i cittadini ad assumere un ruolo attivo nella vita politica (e non solo) della loro città, invogliandoli ad intervenire direttamente per sfruttare le potenzialità del territorio e risolvere le criticità note. Città Pubblica presenta il nuovo direttivo...

Aeranti - Associazione delle radio e tv locali, satellitari, via internet, agenzie di informazione e concessionarie pubblicitarie televisivePositano Notizie - Voce dalla Costiera Amalfitana