Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 15 ore fa S. Giacomo apostolo

Date rapide

Oggi: 25 luglio

Ieri: 24 luglio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Lira TV - ...e sei protagonistaLira TV

...e sei protagonista

Centro Medico Specialistico Orio - la persona al centro delle nostre cureCesarmeccanica - Concessionaria Ufficiale Maserati e Suzuki - Rivenditore e riparatore autorizzato FerrariLa stazione di servizio pensata su misura per te - Vieni a provare i nostri carburanti

Lira TV

Centro Medico Specialistico Orio - la persona al centro delle nostre cureCesarmeccanica - Concessionaria Ufficiale Maserati e Suzuki - Rivenditore e riparatore autorizzato FerrariLa stazione di servizio pensata su misura per te - Vieni a provare i nostri carburanti

Tu sei qui: CronacaIl giro di usura dei Marandino e la paura delle vittime

Cronaca

Sono stati incastrati da un video girato da una delle vittime

Il giro di usura dei Marandino e la paura delle vittime

Giovanni ed Emanuell Marandino, arrestati per un giro d’usura vertiginoso

Scritto da (Andrea Siano), giovedì 4 febbraio 2021 09:23:19

Ultimo aggiornamento giovedì 4 febbraio 2021 09:23:19

Sono stati incastrati da un video girato da una delle vittime, Giovanni ed Emanuell Marandino, arrestati per un giro d'usura vertiginoso.

Giovanni Marandino evita il carcere ma solo per un certificato medico che ne attesta una patologia. E' piantonato in una casa di cura, ma il gip Scermino del Tribunale di Salerno ne aveva condiviso la detenzione dietro le sbarre, nonostante fosse ultraottantenne. Troppo pericoloso, zio Ninuccio, come lo chiamano in tanti. E non solo per la propensione agli affari criminali, ma anche per la capacità di incutere timore nei suoi interlocutori. Un potere più che evocativo, rispetto ai suoi legami con la Nco di Raffaele Cutolo: chi gli stava di fronte - secondo gli inquirenti - percepiva il potere concreto di Marandino ed il pericolo reale di trovarsi di fronte un uomo di camorra. Non a casa Marandino per quell'affiliazione è già stato condannato in via definitiva.

In questo contesto va rimarcato il coraggio di chi ha registrato gli incontri con Giovanni Marandino e suo figlio Emanuell permettendo alla Guardia di Finanza e alla Procura di Salerno di avere prove decisive del giro d'usura che aveva come base la villa di famiglia a Capaccio Paestum. Quello stesso coraggio che non hanno avuto altre vittime dello strozzinaggio, che anzi hanno negato agli inquirenti i prestiti a tassi usurari, arrendendosi solo all'evidenza dei fatti, quando finanzieri e magistrati gli hanno mostrato un quadro probatorio inoppugnabile.

Emanuell Marandino, da ieri ai domiciliari con braccialetto, spesso si sostituiva all'anziano padre per riscuotere le rate dei prestiti. E quando le vittime non erano puntuali, il vecchio boss minacciava velatamente ed apertamente. Al punto che uno degli imprenditori taglieggiati pensò di scappare al Nord facendo perdere le proprie tracce: il figlio ne denunciò la scomparsa, conoscendo le difficoltà, convincendolo a tornare indietro nonostante la paura.

L'accusa per i Marandino è di usura e di esercizio abusivo di attività finanziaria. I tassi di interesse arrivavano anche al 30% su base mensile ed il guadagno - moltiplicandosi - poteva arrivare anche ai 90mila euro per ogni 100mila prestati. Ad aiutare i Marandino c'era una rete di altre persone, otto in totale, che si occupavano di assegni e cifre da far girare. Sono tutti sotto indagine.

Galleria Fotografica

rank:

Cronaca

Cronaca

Crescent: una storia lunga quattordici anni

Ispirato a quello settecentesco di Bath, il Crescent di Salerno, l'emiciclo di cemento ideato dall'architetto catalano Ricardo Bofill, prese forma nel 2007, con le prime delibere della giunta comunale dell'epoca. L'opera, articolata in sei settori con abitazioni, uffici, locali commerciali e box auto...

Cronaca

Cresce ancora il numero dei ricoveri in Campania per il Covid: +5

Cresce per il secondo giorno consecutivo il numero dei ricoveri in Campania per il Covid: al +9 di ieri si somma oggi un +5, con le degenze ordinarie che si attestano a 189. Cala invece lievemente l'occupazione delle terapie intensive (-1), a quota 11. Nel bollettino odierno dell'unità di crisi si segnalano...

Cronaca

"Processo Crescent", De Luca assolto anche in appello

Assoluzione anche in appello per Vincenzo De Luca e per tutti gli imputati del processo Crescent. La sentenza è stata pronunciata oggi dalla Corte d'Appello di Salerno. In questo secondo grado di giudizio la Procura aveva chiesto la condanna dell'ex sindaco di Salerno ad 1 anno e 6 mesi (come per il...

Cronaca

Rissa e lesioni: blitz dei carabinieri nel Salernitano, 11 minori nei guai

Un provvedimento esemplare perché il fenomeno delle risse sta diventando sempre più inquietante e pericoloso: lo dice con chiarezza Patrizia Imperato, Procuratore della Repubblica presso il Tribunale per i Minorenni Salerno, illustrando i dettagli dell'operazione che alle prime luci dell'alba, ha visto...

Aeranti - Associazione delle radio e tv locali, satellitari, via internet, agenzie di informazione e concessionarie pubblicitarie televisivePositano Notizie - Voce dalla Costiera AmalfitanaIl Vescovado - il giornale on line della Costa d'Amalfi