Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 26 minuti fa S. Tecla vergine martire

Date rapide

Oggi: 23 settembre

Ieri: 22 settembre

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Lira TV - ...e sei protagonistaLira TV

...e sei protagonista

Lira TV

Tu sei qui: CronacaL'Arcivescovo Bellandi proroga la chiusura delle chiese al 14 aprile

Cronaca

L'Arcivescovo Bellandi proroga la chiusura delle chiese al 14 aprile

Scritto da (admin), giovedì 2 aprile 2020 17:55:28

Ultimo aggiornamento giovedì 2 aprile 2020 18:07:13

L’Arcivescovo Andrea Bellandi ha diramato una lettera con la quale comunica la decisione di prolungare la chiusura delle chiese dell’Arcidiocesi almeno fino al prossimo 14 aprile. "Ci stiamo avvicinando a quella Settimana che per noi cristiani è "Santa", in quanto in essa si fa memoria dell’evento centrale della nostra fede: la Passione-Morte-Risurrezione di nostro Signore Gesù Cristo. E nell’annuncio pasquale degli apostoli che la Chiesa continuamente attinge i motivi profondi della propria esistenza, le ragioni della sua speranza e il contenuto della propria missione nel mondo. Quest’anno, cari amici, dovremo vivere questo tempo di memoria e di grazia in una condizione di particolare sacrificio. L’emergenza provocata dal Covid-19 non permetterà infatti di vivere insieme, nelle nostre chiese e comunità, le celebrazioni di questa Settimana Santa e neppure di accostarsi ai sacramenti della Riconciliazione e dell’Eucaristia, pur rimanendo la possibilità — ampiamente richiamata dai recenti documenti della Santa Sede — di ottenere il perdono del Signore attraverso un atto di contrizione perfetto e di unirsi in comunione spirituale a Gesù Eucaristia. L’emergenza che ancora viviamo nel nostro Paese e nella nostra Regione non consente azioni che possano mettere in pericolo la salute delle persone e conseguentemente il rallentare anche un positivo evolversi in tempi ragionevolmente brevi di questa situazione critica. Tutti gli organi competenti a livelli diversi — ce lo stanno ripetendo instancabilmente in questi giorni. Dopo aver ascoltato vari pareri ed essermi consultato anche con alcuni esperti in ambito giuridico, sono quindi giunto alla conclusione — sofferta, credetemi — di continuare a non consentire l’accesso dei fedeli alle chiese della nostra Arcidiocesi (come già stabilito nella mia Lettera del 12 marzo u.s.), almeno fino a quando le condizioni generali non lo permetteranno; in ogni caso fino al 14 aprile. So che questa decisione provocherà forti critiche da parte di alcuni — altri invece vi plauderanno — e so anche che altrove sono state prese posizioni differenti, giustificate dal fatto che la Nota del Ministero degli Interni consente tale possibilità, pur se a condizioni molto rigide (e, a mio parere, difficilmente osservabili nel nostro contesto sociale e di fede, in cui una chiesa aperta — grazie a Dio — costituisce per molti ancora un invito a entrarvi e a sostarvi). Ritengo tuttavia che tale restrizione sia un gesto di ulteriore attenzione di carità rivolto ai nostri fratelli: se anche una sola persona dovesse risultare contagiata per un nostro comportamento poco prudente — al di là di tutte le accortezze che in coscienza potremmo avere — ciò risulterebbe ai nostri occhi un fatto assolutamente increscioso e ingiustificabile. Per questo chiedo a tutti di offrire — come preghiera per la propria conversione e per una pronta liberazione dal flagello della pandemia — il sacrificio della rinuncia a varcare la soglia delle chiese, vivendo altresì all’interno delle proprie case gesti e momenti di preghiera che aiutino a vivere consapevolmente questi giorni così importanti per la nostra fede. Seguire le celebrazioni del Santo Padre — o quelle trasmesse dai propri Parroci e dal Vescovo — pregare in famiglia accompagnati dai sussidi messi a disposizione, preoccuparsi di rendersi presenti ai propri familiari o conoscenti che vivono in solitudine, offrire — qualora ve ne siano le possibilità — un proprio contributo economico alle tante iniziative di solidarietà messe in atto per i più poveri o rivolte alle strutture ospedaliere in emergenza — costituiscono modalità altrettanto significative e feconde per vivere santamente questi giorni di preparazione alla Pasqua. Assumendomi — come sempre — la piena responsabilità davanti al Signore di queste difficili e sofferte decisioni e auspicando al contempo che esse vengano trasmesse a tutti con le ragioni che vi stanno a monte, tenendo presente ognuno di voi nella mia quotidiana preghiera, condividendo con tutti le preoccupazioni e purtroppo — in taluni casi — il dolore per la perdita di un proprio caro, vi saluto con affetto impartendovi di cuore la mia benedizione. Che il Signore realizzi compiutamente il desiderio profondo di salvezza presente nei nostri cuori."

Galleria Fotografica

rank:

Cronaca

Cronaca

La riapertura delle scuole a Salerno slitta al 28 settembre

Il Sindaco di Salerno Vincenzo Napoli, accogliendo le istanze avanzate dai dirigenti scolastici degli istituti cittadini, ha ordinato il rinvio dell'inizio delle attività didattiche al prossimo lunedì 28 settembre. La decisione si è resa necessaria per consentire il completamento delle operazioni di...

Cronaca

Rissa a Nocera Inferiore, identificati due giovani

Sono stati identificati due dei giovani coinvolti nella rissa avvenuta domenica pomeriggio in pieno centro a Nocera Inferiore. I carabinieri del Reparto Territoriale hanno denunciato due ragazzi di 24 e 28 anni residenti nel napoletano. I fatti La rissa si è consumata poco dopo le 18.30 all'incrocio...

Cronaca

Covid 19, boom di positivi in Campania: +243

Notevole incremento di positivi in Campania al coronavirus. Secondo il bollettino delle ultime 24 ore sono stati infatti 243 contro il 171 di ieri: ma si registra una drastica riduzione di tamponi effettuati con 3.405 rispetto al dato precedente di 7.632. Il totale dei positivi in Campania sale a 10.503...

Cronaca

Nocera Inferiore, rissa in pieno centro

Non sono stati ancora identificati i giovani che ieri pomeriggio hanno seminato il panico con una rissa nel cuore di Nocera Inferiore, all'incrocio tra via Garibaldi e corso Vittorio Emanuele. I carabinieri del Reparto Territoriale di Nocera Inferiore stanno indagando per capire il movente e ricostruire...

Aeranti - Associazione delle radio e tv locali, satellitari, via internet, agenzie di informazione e concessionarie pubblicitarie televisivePositano Notizie - Voce dalla Costiera AmalfitanaIl Vescovado - il giornale on line della Costa d'Amalfi