Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 1 ora fa S. Matteo apostolo

Date rapide

Oggi: 21 settembre

Ieri: 20 settembre

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Lira TV - ...e sei protagonistaLira TV

...e sei protagonista

Lira TV

Tu sei qui: CronacaL’omicidio Faucitano e le indagini che hanno cambiato tutto

Cronaca

L'assassinio plateale il 26 aprile del 2015

L’omicidio Faucitano e le indagini che hanno cambiato tutto

I killer colpirono a Scafati

Scritto da (Andrea Siano), martedì 15 settembre 2020 13:02:34

Ultimo aggiornamento martedì 15 settembre 2020 13:02:34

E' stato l'assassinio plateale di Armando Faucitano, il 26 aprile di cinque anni fa, ad aprire scenari di indagine nuovi sul malaffare tra agro e vesuviano.

L'agguato

L'omicidio di Armando Faucitano ha fatto da spartiacque nelle vicende criminali del territorio scafatese a cavallo fra le province di Salerno e Napoli. Proprio quell'assassinio così plateale, in piazza Falcone e Borsellino a Scafati, di domenica mattina, con l'esplosione di ben tredici colpi di pistola calibro 9, ha squarciato il classico velo sul malaffare degli uomini legati al locale clan Matrone e al sodalizio degli Aquino Annunziata di Boscoreale.

I gruppi

Gruppi di camorra che cinque anni fa si trovarono d'accordo sulla decisione di uccidere Faucitano, che aveva 46 anni, si trovava ai domiciliari e poteva uscire solo per due ore al mattino. Assuntore di stupefacenti, fu punito per una partita di droga non pagata (circa 700 euro), ma la ferocia dell'agguato spinse gli inquirenti ad andare oltre, scoprendo che in realtà nella decisione di uccidere forse avevano pesato ancor di più le informazioni che Faucitano aveva iniziato a passare alle forze dell'ordine.

Gli scenari

Come mandante ed esecutore del delitto, fra gli altri, in galera è finito Carmine Alfano detto "bim bum bam", personaggio di spicco della malavita del posto, la cui influenza non sarebbe cessata nemmeno con la condanna e la detenzione in carcere. Ma quel delitto di cinque anni fa ha dato la stura ad una serie di indagini ed approfondimenti che hanno svelato trame ed affari, patti e saldature come pure frizioni spesso sfociate in punizioni ed avvertimenti. La platealità dell'omicidio Faucitano, in un luogo affollato e con due caricatori svuotati sulla vittima, sono stati il segnale di un cambiamento di strategia che gli investigatori hanno saputo cogliere, stroncandone il salto di qualità.

Galleria Fotografica

rank:

Cronaca

Cronaca

Nocera Inferiore, rissa in pieno centro

Non sono stati ancora identificati i giovani che ieri pomeriggio hanno seminato il panico con una rissa nel cuore di Nocera Inferiore, all'incrocio tra via Garibaldi e corso Vittorio Emanuele. I carabinieri del Reparto Territoriale di Nocera Inferiore stanno indagando per capire il movente e ricostruire...

Cronaca

Oggi Salerno celebra San Matteo ma senza processione né fuochi d’artificio

Salerno oggi onora il proprio Santo Patrono, San Matteo, in pienezza d'amore ma l'emergenza pandemica ha comportato sacrifici dolorosi al programma tradizionale della Festa patronale e l'applicazione di protocolli rigorosi per gli appuntamenti previsti. Annullata la processione. Il Santo non uscirà dalla...

Cronaca

Scuola, diversi comuni fanno slittare la prima campanella

È stato il primo settore a chiudere a causa della pandemia da coronavirus e l'ultimo a ripartire in Italia. A lungo attesa, la scuola, pur tra mille difficoltà, sta per riaprire le sue porte anche in Campania ma in diversi comuni la prima campanella non suonerà il 24 settembre. Sono più di venti i sindacidella...

Cronaca

Pausa contagi in provincia: ieri solo due casi

La giornata di ieri ha fatto registrare una pausa in termini di incremento dei contagi, per quel che concerne la provincia di Salerno. Nel consueto report serale, l'Asl ha riferito di due soli nuovi casi, riscontrati nel comune di Centola. E' stato inoltre precisato che l'Ospedale di Sarno non ha subito...

Aeranti - Associazione delle radio e tv locali, satellitari, via internet, agenzie di informazione e concessionarie pubblicitarie televisivePositano Notizie - Voce dalla Costiera AmalfitanaIl Vescovado - il giornale on line della Costa d'Amalfi