Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 3 minuti fa S. Bibiana vergine e martire

Date rapide

Oggi: 2 dicembre

Ieri: 1 dicembre

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Lira TV - ...e sei protagonistaLira TV

...e sei protagonista

Centro Medico Specialistico Orio - la persona al centro delle nostre cureCesarmeccanica - Concessionaria Ufficiale Maserati e Suzuki - Rivenditore e riparatore autorizzato FerrariLa stazione di servizio pensata su misura per te - Vieni a provare i nostri carburanti

Lira TV

Centro Medico Specialistico Orio - la persona al centro delle nostre cureCesarmeccanica - Concessionaria Ufficiale Maserati e Suzuki - Rivenditore e riparatore autorizzato FerrariLa stazione di servizio pensata su misura per te - Vieni a provare i nostri carburanti

Tu sei qui: CronacaL’omicidio Faucitano e le indagini che hanno cambiato tutto

Cronaca

L'assassinio plateale il 26 aprile del 2015

L’omicidio Faucitano e le indagini che hanno cambiato tutto

I killer colpirono a Scafati

Scritto da (Andrea Siano), martedì 15 settembre 2020 13:02:34

Ultimo aggiornamento martedì 15 settembre 2020 13:02:34

E' stato l'assassinio plateale di Armando Faucitano, il 26 aprile di cinque anni fa, ad aprire scenari di indagine nuovi sul malaffare tra agro e vesuviano.

L'agguato

L'omicidio di Armando Faucitano ha fatto da spartiacque nelle vicende criminali del territorio scafatese a cavallo fra le province di Salerno e Napoli. Proprio quell'assassinio così plateale, in piazza Falcone e Borsellino a Scafati, di domenica mattina, con l'esplosione di ben tredici colpi di pistola calibro 9, ha squarciato il classico velo sul malaffare degli uomini legati al locale clan Matrone e al sodalizio degli Aquino Annunziata di Boscoreale.

I gruppi

Gruppi di camorra che cinque anni fa si trovarono d'accordo sulla decisione di uccidere Faucitano, che aveva 46 anni, si trovava ai domiciliari e poteva uscire solo per due ore al mattino. Assuntore di stupefacenti, fu punito per una partita di droga non pagata (circa 700 euro), ma la ferocia dell'agguato spinse gli inquirenti ad andare oltre, scoprendo che in realtà nella decisione di uccidere forse avevano pesato ancor di più le informazioni che Faucitano aveva iniziato a passare alle forze dell'ordine.

Gli scenari

Come mandante ed esecutore del delitto, fra gli altri, in galera è finito Carmine Alfano detto "bim bum bam", personaggio di spicco della malavita del posto, la cui influenza non sarebbe cessata nemmeno con la condanna e la detenzione in carcere. Ma quel delitto di cinque anni fa ha dato la stura ad una serie di indagini ed approfondimenti che hanno svelato trame ed affari, patti e saldature come pure frizioni spesso sfociate in punizioni ed avvertimenti. La platealità dell'omicidio Faucitano, in un luogo affollato e con due caricatori svuotati sulla vittima, sono stati il segnale di un cambiamento di strategia che gli investigatori hanno saputo cogliere, stroncandone il salto di qualità.

Galleria Fotografica

rank:

Cronaca

Cronaca

Rione Petrosino, non si dorme più

Decine di segnalazioni giunte alla nostra redazione, da parte di cittadini disperati che, in un momento in cui già è difficile mantenere i nervi saldi di giorno e provare a dormire di notte, a causa della pandemia, si ritrovano a dover convivere con un rumore sordo e persistente, h-24, senza tregua....

Cronaca

Covid-19, nel salernitano oltre 18 mila persone ancora positive

304 i nuovi contagi registrati nella sola giornata di oggi in provincia di Salerno. Se l'andamento epidemiologico mantiene il ritmo attuale si può sperare che l'ondata stia cominciando lentamente ad esaurirsi dopo che, a metà novembre, quando la Campania divenne zona rossa, la curva dei contagi aveva...

Cronaca

Salerno, ripascimento litorale e destagionalizzazione attività

Il Comune di Salerno è impegnato su due fronti: fronteggiare la pandemia Covid-19 e predisporre il necessario ad una piena ripresa delle attività economiche. Uno dei settori più importanti è costituito dalla risorsa mare che, dopo la pandemia, diventerà strategico per il rilancio economico ed occupazionale....

Cronaca

De Luca: "Sono stanco di inseguire Dpcm e sottodecreti"

"La Campania aveva chiesto a ottobre di istituire con una scelta rigorosa una zona rossa per tutta l'Italia, avrebbe evitato divisioni tra territori e una tale confusione di decreti e controdecreti. Se lo chiedete a me che cosa prevede l'ultimo dpcm non ve lo so dire. Mi sono stancato di inseguire decreti...

Aeranti - Associazione delle radio e tv locali, satellitari, via internet, agenzie di informazione e concessionarie pubblicitarie televisivePositano Notizie - Voce dalla Costiera AmalfitanaIl Vescovado - il giornale on line della Costa d'Amalfi