Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 14 ore fa S. Giacomo apostolo

Date rapide

Oggi: 25 luglio

Ieri: 24 luglio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Lira TV - ...e sei protagonistaLira TV

...e sei protagonista

Centro Medico Specialistico Orio - la persona al centro delle nostre cureCesarmeccanica - Concessionaria Ufficiale Maserati e Suzuki - Rivenditore e riparatore autorizzato FerrariLa stazione di servizio pensata su misura per te - Vieni a provare i nostri carburanti

Lira TV

Centro Medico Specialistico Orio - la persona al centro delle nostre cureCesarmeccanica - Concessionaria Ufficiale Maserati e Suzuki - Rivenditore e riparatore autorizzato FerrariLa stazione di servizio pensata su misura per te - Vieni a provare i nostri carburanti

Tu sei qui: Cronaca“Le Croci del silaro”: il monopolio di Squecco e la ragnatela delle intestazioni fittizie

Cronaca

La fitta ragnatela riconducibile all’imprenditore della Piana del Sele, arrestato assieme ad altre dieci persone, è stata ricostruita nei dettagli dalla Procura di Salerno

“Le Croci del silaro”: il monopolio di Squecco e la ragnatela delle intestazioni fittizie

Ricostruito dettagliatamente il contesto in cui si operava nel settore delle onoranze funebri e trasporto infermi nella zona di Capaccio Paestum e non solo

Scritto da (Francesca De Simone), giovedì 21 gennaio 2021 12:45:28

Ultimo aggiornamento giovedì 21 gennaio 2021 12:45:28

«In effetti una cosa del genere ancora non l'avevo vista in carriera»: si pronuncia così il procuratore capo Borrelli sull'episodio del carosello delle ambulanze, che ha ulteriormente consentito di scoperchiare il vaso di Pandora, legato all'inchiesta che ha portato alla fitta rete riconducibile a colui il quale si è rivelato l'imperatore del settore del trasporto infermi e delle onoranze funebri, Roberto Squecco. L'imprenditore finito in manette, assieme ad altre dieci persone legate alle sue società ed associazioni, è stato incastrato grazie a complesse attività d'indagine ed al lavoro congiunto di Procura, Questura e Dipartimento centrale Anticrimine della Polizia di Stato.

Già nell'ottobre del 2019, a Squecco ed ai suoi prestanome erano stati sequestrati in maniera preventiva società ed associazioni, operanti nel settore del trasporto e soccorso infermi, in convenzione con l'A.S.L. di Salerno e delle onoranze funebri nonché beni strumentali delle stesse, oltre a conti correnti e rapporti bancari sui quali erano stati rintracciati movimenti di ingenti somme di danaro pari a circa 500mila euro. Il meccanismo di intestazione fittizia serviva all'imprenditore di Capaccio per mantenere i patrimoni accumulati attraverso reati per cui era già stato condannato, come ha spiegato la pm, titolare dell'inchiesta sul gruppo Squecco, Francesca Fittipaldi.

L'operazione salernitana ha, inoltre, fatto da apripista nell'ambito dell'applicazione della Normativa europea per il riconoscimento reciproco dei provvedimenti di congelamento e di confisca. "Oggi per la prima volta colpiamo patrimoni che sono stati delocalizzati all'estero, in questo caso in Romania" - ha detto ieri in conferenza stampa alla Cittadella giudiziaria il direttore centrale dell'Anticrimine della Polizia, che ha operato il sequestro di prevenzione di beni e assetti societari, per un valore di circa 16 milioni di euro. Lo scenario che emerge da questa vicenda, in cui non va dimenticato anche il passato di Squecco (già condannato per partecipazione ad associazione di stampo camorristico, riconducibile ai Marandino), è decisamente poco incoraggiante. Il procuratore capo Borrelli ha comunque precisato ed escluso presunti collegamenti con il sindaco per il quale le ambulanze sfilavano a festa: «L'episodio rappresenta una forma di giubilo, ma a cosa questo giubilo fosse dovuto non è contenuto in questo provvedimento».

Galleria Fotografica

rank:

Cronaca

Cronaca

Crescent: una storia lunga quattordici anni

Ispirato a quello settecentesco di Bath, il Crescent di Salerno, l'emiciclo di cemento ideato dall'architetto catalano Ricardo Bofill, prese forma nel 2007, con le prime delibere della giunta comunale dell'epoca. L'opera, articolata in sei settori con abitazioni, uffici, locali commerciali e box auto...

Cronaca

Cresce ancora il numero dei ricoveri in Campania per il Covid: +5

Cresce per il secondo giorno consecutivo il numero dei ricoveri in Campania per il Covid: al +9 di ieri si somma oggi un +5, con le degenze ordinarie che si attestano a 189. Cala invece lievemente l'occupazione delle terapie intensive (-1), a quota 11. Nel bollettino odierno dell'unità di crisi si segnalano...

Cronaca

"Processo Crescent", De Luca assolto anche in appello

Assoluzione anche in appello per Vincenzo De Luca e per tutti gli imputati del processo Crescent. La sentenza è stata pronunciata oggi dalla Corte d'Appello di Salerno. In questo secondo grado di giudizio la Procura aveva chiesto la condanna dell'ex sindaco di Salerno ad 1 anno e 6 mesi (come per il...

Cronaca

Rissa e lesioni: blitz dei carabinieri nel Salernitano, 11 minori nei guai

Un provvedimento esemplare perché il fenomeno delle risse sta diventando sempre più inquietante e pericoloso: lo dice con chiarezza Patrizia Imperato, Procuratore della Repubblica presso il Tribunale per i Minorenni Salerno, illustrando i dettagli dell'operazione che alle prime luci dell'alba, ha visto...

Aeranti - Associazione delle radio e tv locali, satellitari, via internet, agenzie di informazione e concessionarie pubblicitarie televisivePositano Notizie - Voce dalla Costiera AmalfitanaIl Vescovado - il giornale on line della Costa d'Amalfi