Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 21 ore fa S. Pietro d'Alcantara

Date rapide

Oggi: 19 ottobre

Ieri: 18 ottobre

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Lira TV - ...e sei protagonistaLira TV

...e sei protagonista

Centro Medico Specialistico Orio - la persona al centro delle nostre cureCesarmeccanica - Concessionaria Ufficiale Maserati e Suzuki - Rivenditore e riparatore autorizzato FerrariLa stazione di servizio pensata su misura per te - Vieni a provare i nostri carburanti

Lira TV

Centro Medico Specialistico Orio - la persona al centro delle nostre cureCesarmeccanica - Concessionaria Ufficiale Maserati e Suzuki - Rivenditore e riparatore autorizzato FerrariLa stazione di servizio pensata su misura per te - Vieni a provare i nostri carburanti

Tu sei qui: Cronaca“Le Croci del silaro”: il monopolio di Squecco e la ragnatela delle intestazioni fittizie

Cronaca

La fitta ragnatela riconducibile all’imprenditore della Piana del Sele, arrestato assieme ad altre dieci persone, è stata ricostruita nei dettagli dalla Procura di Salerno

“Le Croci del silaro”: il monopolio di Squecco e la ragnatela delle intestazioni fittizie

Ricostruito dettagliatamente il contesto in cui si operava nel settore delle onoranze funebri e trasporto infermi nella zona di Capaccio Paestum e non solo

Scritto da (Francesca De Simone), giovedì 21 gennaio 2021 12:45:28

Ultimo aggiornamento giovedì 21 gennaio 2021 12:45:28

«In effetti una cosa del genere ancora non l'avevo vista in carriera»: si pronuncia così il procuratore capo Borrelli sull'episodio del carosello delle ambulanze, che ha ulteriormente consentito di scoperchiare il vaso di Pandora, legato all'inchiesta che ha portato alla fitta rete riconducibile a colui il quale si è rivelato l'imperatore del settore del trasporto infermi e delle onoranze funebri, Roberto Squecco. L'imprenditore finito in manette, assieme ad altre dieci persone legate alle sue società ed associazioni, è stato incastrato grazie a complesse attività d'indagine ed al lavoro congiunto di Procura, Questura e Dipartimento centrale Anticrimine della Polizia di Stato.

Già nell'ottobre del 2019, a Squecco ed ai suoi prestanome erano stati sequestrati in maniera preventiva società ed associazioni, operanti nel settore del trasporto e soccorso infermi, in convenzione con l'A.S.L. di Salerno e delle onoranze funebri nonché beni strumentali delle stesse, oltre a conti correnti e rapporti bancari sui quali erano stati rintracciati movimenti di ingenti somme di danaro pari a circa 500mila euro. Il meccanismo di intestazione fittizia serviva all'imprenditore di Capaccio per mantenere i patrimoni accumulati attraverso reati per cui era già stato condannato, come ha spiegato la pm, titolare dell'inchiesta sul gruppo Squecco, Francesca Fittipaldi.

L'operazione salernitana ha, inoltre, fatto da apripista nell'ambito dell'applicazione della Normativa europea per il riconoscimento reciproco dei provvedimenti di congelamento e di confisca. "Oggi per la prima volta colpiamo patrimoni che sono stati delocalizzati all'estero, in questo caso in Romania" - ha detto ieri in conferenza stampa alla Cittadella giudiziaria il direttore centrale dell'Anticrimine della Polizia, che ha operato il sequestro di prevenzione di beni e assetti societari, per un valore di circa 16 milioni di euro. Lo scenario che emerge da questa vicenda, in cui non va dimenticato anche il passato di Squecco (già condannato per partecipazione ad associazione di stampo camorristico, riconducibile ai Marandino), è decisamente poco incoraggiante. Il procuratore capo Borrelli ha comunque precisato ed escluso presunti collegamenti con il sindaco per il quale le ambulanze sfilavano a festa: «L'episodio rappresenta una forma di giubilo, ma a cosa questo giubilo fosse dovuto non è contenuto in questo provvedimento».

Galleria Fotografica

rank:

Cronaca

Cronaca

Covid e vaccini, c’è l’effetto green pass

Contagi sostanzialmente stabili in provincia di Salerno (59 i tamponi positivi di ieri), mentre aumenta, invece, il numero delle vaccinazioni. Non solo terze dosi, ma anche prime somministrazioni. L'obbligo di green pass ha avuto i suoi effetti sulla campagna di immunizzazione, sebbene nel salernitano...

Cronaca

Ballottaggi a Battipaglia e ad Eboli: affluenza in calo

Affluenza in calo fino alle 23 di ieri sera nei due centri in provincia di Salerno, Battipaglia ed Eboli chiamati a tornare alle urne per decidere l'elezione dei rispettivi sindaci al ballottaggio. Nella Piana del Sele si vota, come negli altri comuni italiani, fino alle 15, quando inizierà lo spoglio....

Cronaca

Piazza della Libertà, nuovo atto vandalico

Non c'è pace per Piazza della Libertà. La nuova meta dello struscio dei salernitani e dei turisti, che si godono l'ottobrata, lasciandosi incantare dal panorama della passeggiata fronte mare con Stazione Marittima e Costiera Amalfitana da un lato e costa cilentana dall'altro a far da cornice a selfie...

Cronaca

Vento, ancora in corso le operazioni di messa in sicurezza in città

Il forte vento degli scorsi giorni è passato ed è il momento di fare la conta dei danni. In città a causa delle violente folate registratesi nelle scorse 48 ore si sono verificati notevoli disagi. Pannelli per l'affissione dei manifesti elettorali divelti, pali abbattuti, rami ed interi tronchi d'albero...

Aeranti - Associazione delle radio e tv locali, satellitari, via internet, agenzie di informazione e concessionarie pubblicitarie televisivePositano Notizie - Voce dalla Costiera AmalfitanaIl Vescovado - il giornale on line della Costa d'Amalfi