Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 7 ore fa S. Teresa del Bambino Gesù

Date rapide

Oggi: 1 ottobre

Ieri: 30 settembre

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Lira TV - ...e sei protagonistaLira TV

...e sei protagonista

Lira TV

Tu sei qui: CronacaMovida, tante persone in strada e pochi controlli a Salerno. I timori degli scienziati: “no assembramenti”

Cronaca

Movida, tante persone in strada e pochi controlli a Salerno. I timori degli scienziati: “no assembramenti”

Scritto da (admin), domenica 24 maggio 2020 12:30:55

Ultimo aggiornamento domenica 24 maggio 2020 12:30:55

La Fase 2 non significa "liberi tutti". E siccome non stiamo giocando a nascondino, è necessario fare ancora grande attenzione perché il covid-19 si nasconde facilmente e si diffonde rapidamente. Il primo sabato sera dopo la riapertura delle attività di ristorazione vede tante persone in strada a Salerno con file di auto in centro città e pochi controlli. Sono soprattutto i giovani ad affollare via Roma, il lungomare e la spiaggia di Santa Teresa. Molte persone indossano la mascherina ma ce ne sono altre che non ce l’hanno o che la usano in modo sbagliato. Le distanze di sicurezza, poi, non sempre vengono rispettate. Dopo mesi di confinamento è comprensibile sentire la necessità di socializzare ma così, senza le dovute precauzioni, non va bene. Nelle ultime ore gli scienziati hanno espresso grande timore sui rischi connessi alle riaperture, alla luce degli assembramenti verificatisi in questi giorni in molte città d’Italia. Non a caso il governatore della Campania, Vincenzo De Luca, ha deciso di posticipare a giovedì 21 la riapertura di ristoranti e pizzerie auspicando comportamenti corretti da parte di tutti. In Lombardia, la regione più colpita dal coronavirus, il governatore Fontana, che nei giorni scorsi aveva condiviso la linea del rigore di De Luca, pensa a nuove restrizioni. A Brescia il sindaco ha stabilito la chiusura serale delle attività in centro dopo le troppe presenze registrate venerdì. In Campania non bisogna pensare che il rischio sia lontano. È vero che i numeri nella nostra regione sono nettamente migliori di quelli di altre zone d’Italia ma è pur vero che le distanze si accorciano facilmente con un virus che ha una grande capacità di trasmissione. Senza dimenticare che possono esserci persone contagiate ma asintomatiche. La prima settimana di riapertura non ha dato segnali del tutto incoraggianti. Rispettare le norme per il contenimento del contagio è importante anche per arrivare alla nuova fase di aperture. Dalla settimana prossima dovrebbero essere consentiti gli spostamenti fra le regioni, sempre che l’andamento epidemiologico non peggiori. Il rischio di tornare indietro, dopo le prime riaperture, è alto e una nuova chiusura sarebbe un dramma economico, sociale e psicologico. Nel gioco del nascondino "liberi tutti" vuol dire anche "salvi tutti". Perché ciò accada anche nella realtà, bisogna assolutamente rispettare le regole. Ora più che mai.

Galleria Fotografica

rank:

Cronaca

Cronaca

Completato lo screening deciso dalla Regione su tutto il personale scolastico

Convocata dal presidente della Giunta regionale della Campania, Vincenzo De Luca, si è tenuta oggi una riunione con tutti i direttori generali dell'Asl, delle Aziende Ospedaliere e con i componenti dell'Unità di Crisi. Particolare attenzione è stata dedicata al mondo della scuola nella regione Campania,...

Cronaca

Immuni in rete con le altre app di tracciamento europee

Dal prossimo 17 ottobre Italia, Germania e Irlanda saranno i primi Paesi a potersi connettere, al sistema Ue che consente il dialogo tra le app nazionali per il tracciamento dei contagi Covid, assicurando il loro funzionamento oltre confine. Il sistema si chiama Gateway, e non richiede l'installazione...

Cronaca

Coronavirus: crescita dei contagi soprattutto nelle regioni del Centro-Sud

Si è ridotta la letalità del Covid-19: se fino a giugno morivano quasi 15 pazienti su cento oggi ne muoiono circa 12. Ma i contagi da coronavirus sono in forte crescita soprattutto nelle regioni del Centro-Sud, con Sardegna, Campania, Lazio e Sicilia che dal 16 giugno al 24 settembre, mostrano un incremento...

Cronaca

Covid 19, contagi costanti: +287

Questo il bollettino di oggi: Positivi del giorno:287 Tamponi del giorno: 5.584 Totale positivi: 12.742 Totale tamponi: 595.991 ​Deceduti del giorno: 0 Totale deceduti: 463 Guariti del giorno: 139 Totale guariti: 6.166

Aeranti - Associazione delle radio e tv locali, satellitari, via internet, agenzie di informazione e concessionarie pubblicitarie televisivePositano Notizie - Voce dalla Costiera AmalfitanaIl Vescovado - il giornale on line della Costa d'Amalfi