Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 7 ore fa S. Emilio martire

Date rapide

Oggi: 28 maggio

Ieri: 27 maggio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Lira TV - ...e sei protagonistaLira TV

...e sei protagonista

Centro Medico Specialistico Orio - la persona al centro delle nostre cureCesarmeccanica - Concessionaria Ufficiale Maserati e Suzuki - Rivenditore e riparatore autorizzato FerrariLa stazione di servizio pensata su misura per te - Vieni a provare i nostri carburanti

Lira TV

Centro Medico Specialistico Orio - la persona al centro delle nostre cureCesarmeccanica - Concessionaria Ufficiale Maserati e Suzuki - Rivenditore e riparatore autorizzato FerrariLa stazione di servizio pensata su misura per te - Vieni a provare i nostri carburanti

Tu sei qui: CronacaMuro contro muro sulla scuola

Cronaca

contro il rientro il 10 gennaio, il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca (è passato alle vie di fatto

Muro contro muro sulla scuola

I presidi lombardi: da lunedì "sarà come andare alle Termopili: non si è passati alla dad per scelta, ci arriveremo per necessità"

Scritto da (Francesca Salemme), sabato 8 gennaio 2022 13:07:04

Ultimo aggiornamento sabato 8 gennaio 2022 13:07:04

Muro contro muro. Lo scontro, tra il governo e De Luca, non è stato mai così duro. Da un lato l'esecutivo che anche oggi, per bocca dei ministri Speranza e Bianchi, ribadisce il "tutti in classe" dopodomani, il 10 gennaio; dall'altra amministrazioni locali (regioni in primis), ordine dei medici, sindacati e presidi che chiedevano e chiedono di posticipare di almeno 15 giorni il ritorno tra i banchi. E in questa situazione di stallo, stile duello western, il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca (gli altri governatori, pur d'accordo con lui, hanno preferito non assumere decisioni) è passato alle vie di fatto annunciando la non riapertura per medie, elementari e scuole dell'infanzia perché, ha dichiarato in diretta, "non ci sono le condizioni minime di sicurezza".

La "fuga in avanti" di De Luca, nasce quindi "zoppa" perché il governo, proprio per bocca del titolare dell'Istruzione ha annunciato l'intenzione di volerla impugnare (per farlo, però, sarà necessario un passaggio in Consiglio dei ministri al momento fissato per il 13 gennaio). Nel decreto legge approvato il 24 dicembre è stata, infatti, prorogata la norma che limita "esclusivamente" alla zona rossa la possibilità agli enti locali di "derogare alle disposizioni" dell'esecutivo in tema di focolai ed elevata diffusione del virus. "Essendo la Campania ancora in zona bianca non ci sarebbero i presupposti giuridici per una eventuale ordinanza sulla riapertura delle scuole", conferma oggi dalle pagine del Corriere della sera il ministro Bianchi.

Sul campo resta un quadro epidemiologico in forte e rapidissimo peggioramento che causa difficoltà di tracciamento e di screening. Il governatore del Veneto, Zaia parlando di scuola ha utilizzato il termine "caos" mentre il presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci ha scritto al presidente Draghi per "rappresentare la gravità della situazione delle ultime ore". Una anticipazione di quanto potrebbe accadere da lunedì arriva dalla Lombardia dove i presidi della regione hanno diffuso una nota in cui scrivono che da lunedì "sarà come andare alle Termopili: non si è passati alla dad per scelta, ci arriveremo per necessità".

Con le nuove regole fissate dal DL approvato il 5 gennaio, infatti, secondo una proiezione fatta da Tuttoscuola, tra dieci giorni circa 200 mila classi (più di una su due sulle 296 mila statali), rischiano di dover interrompere la didattica in presenza.

Galleria Fotografica

rank:

Cronaca

Cronaca

Pontecagnano, incendio all’ex discoteca Camino Real

Fiamme all'ex discoteca Camino Real lungo la litoranea Magazzeno nel comune di Pontecagnano Faiano: l'incendio ha interessato alcuni rifiuti che si trovavano all'interno dell'area confiscata alla criminalità organizzata e sequestrata nel dicembre 2021 proprio per via dello sversamento illecito di materiali...

Cronaca

Sulle tracce dei turisti

Sulla scorta delle indicazioni ricevute all'infopoint della stazione marittima ci siamo mossi anche noi - come i turisti appena sbarcati al Molo Manfredi - verso il centro storico, anche per verificare se le lamentele raccolte ieri sulla segnaletica fossero corrette o meno, come invece ci era stato segnalato...

Cronaca

Fonderie Pisano, Napoli indagato per la mancata chiusura

Proroga delle indagini di ulteriori di sei mesi per il sindaco di Salerno Vincenzo Napoli. La vicenda giudiziaria che tocca il primo cittadino riguarda le Fonderie Pisano e risale al settembre 2021 dopo l'esposto depositato dall'associazione Salute e Vita. Il reato ipotizzato è omissione d'ufficio, in...

Cronaca

Nuova differenzia, facilitatori porta a porta

Sono muniti di pettorina e cartellino identificativo, i facilitatori ambientali che da oggi e per le prossime settimane gireranno in lungo e largo la città di Salerno per informare i cittadini sulle nuove modalità di raccolta differenziata. I facilitatori, consegneranno calendari, vademecum ed anche...

Aeranti - Associazione delle radio e tv locali, satellitari, via internet, agenzie di informazione e concessionarie pubblicitarie televisivePositano Notizie - Voce dalla Costiera Amalfitana