Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 4 ore fa S. Pasquale Baylon

Date rapide

Oggi: 17 maggio

Ieri: 16 maggio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Lira TV - ...e sei protagonistaLira TV

...e sei protagonista

Centro Medico Specialistico Orio - la persona al centro delle nostre cureCesarmeccanica - Concessionaria Ufficiale Maserati e Suzuki - Rivenditore e riparatore autorizzato FerrariLa stazione di servizio pensata su misura per te - Vieni a provare i nostri carburanti

Lira TV

Centro Medico Specialistico Orio - la persona al centro delle nostre cureCesarmeccanica - Concessionaria Ufficiale Maserati e Suzuki - Rivenditore e riparatore autorizzato FerrariLa stazione di servizio pensata su misura per te - Vieni a provare i nostri carburanti

Tu sei qui: CronacaOmicidio D’Onofrio: confermata la condanna per Siniscalchi

Cronaca

La Corte d’Assiste d’Appello ha confermato 30 anni di reclusione

Omicidio D’Onofrio: confermata la condanna per Siniscalchi

Uccise con la complicità del fratello Massimo D’Onofrio

Scritto da (Andrea Siano), martedì 19 gennaio 2021 10:14:42

Ultimo aggiornamento martedì 19 gennaio 2021 10:14:42

Massimo D'Onofrio fu ucciso da una gragnuola di colpi esplosi da Eugenio Siniscalchi in rapida successione, dopo aver premeditato a lungo il delitto per punire lo sgarro su un debito non saldato.

Anche la Corte d'Assise d'Appello è convinta che le cose siano andate in questo modo, quattro anni fa, quando D'Onofrio fu raggiunto da Siniscalchi e dal fratello - all'epoca minorenne - nella zona di Viale Kennedy a Pastena. Doveva essere un chiarimento, almeno così riferirono i Siniscalchi a D'Onofrio per tendergli la trappola. L'ultima chiamata sul cellulare i killer l'anno fatta appena pochi minuti prima dell'agguato, per assicurarsi che la vittima fosse davvero sul luogo dell'appuntamento.

Un omicidio premeditato e quindi la Corte non poteva che confermare, anche in appello, la condanna a 30 anni di reclusione già emessa nella sentenza di primo grado dal gup del Tribunale di Salerno. Siniscalchi agì insieme al fratello per punire D'Onofrio, che spacciava nella zona di Pastena, riguardo ad un debito in denaro che questi stentava a saldare. Subito dopo gli spari, i Siniscalchi dormirono a Giffoni, poi ripararono nella zona di San Mango di cui sono originari.

A loro gli inquirenti sono arrivati intrecciando le intercettazioni telefoniche ma anche facendo quadrare orari, tempi e circostanze delle varie fasi del delitto con le immagini di alcuni sistemi di videosorveglianza, che hanno documentato i movimenti dei sicari prima e dopo l'omicidio.

Galleria Fotografica

rank:

Cronaca

Cronaca

Riaperture, cambiano le regole

Gli incoraggianti dati delle ultime ore porteranno ad un nuovo provvedimento che sarà operativo dal 24 maggio e che riscriverà una serie di regole e restrizioni. Nelle prossime ore arriverà il via libera dalla cabina di regia del governo. Per quanto riguarda il coprifuoco, l'indicazione era di posticiparlo...

Cronaca

Vaccini al polo cantieristica nautica di Salerno

Cambia luogo la postazione mobile dedicata alle vaccinazionianti-Covid che trova collocazione presso il Polo cantieristica nautica in località Capitolo San Matteo, nella zona orientale di Salerno. Siamo nella parte finale di via Salvatore Allende, dopo lo stadio Arechi. Qui tutti gli over 60 iscritti...

Cronaca

Rissa tra minori a Salerno: proseguono le indagini, residenti preoccupati

La rissa tra minorenni scoppiata sabato sera sul Lungomare Trieste e poi terminata in via Roma, con il ferimento di due ragazzi, è finita sotto i riflettori anche a livello nazionale. La violenza in strada in pieno centro, all'ora della movida, che dovrebbe essere soggetta a determinate regole anti-covid,...

Cronaca

Droga al quartiere Fortino, Polizia arresta spacciatore ad Eboli

Gli Agenti della Polizia di Stato hanno arrestato uno spacciatore di stupefacenti ad Eboli. Nei pressi di un comprensorio di edilizia, nel gergo conosciuto anche col nome di "Fortino", gli Agenti hanno compiuto dei servizi di prevenzione per il consumo di stupefacente in detto quartiere. Proprio nei...

Aeranti - Associazione delle radio e tv locali, satellitari, via internet, agenzie di informazione e concessionarie pubblicitarie televisivePositano Notizie - Voce dalla Costiera AmalfitanaIl Vescovado - il giornale on line della Costa d'Amalfi