Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 3 ore fa S. Filippo Neri sacerdote

Date rapide

Oggi: 26 maggio

Ieri: 25 maggio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Lira TV - ...e sei protagonistaLira TV

...e sei protagonista

Centro Medico Specialistico Orio - la persona al centro delle nostre cureCesarmeccanica - Concessionaria Ufficiale Maserati e Suzuki - Rivenditore e riparatore autorizzato FerrariLa stazione di servizio pensata su misura per te - Vieni a provare i nostri carburanti

Lira TV

Centro Medico Specialistico Orio - la persona al centro delle nostre cureCesarmeccanica - Concessionaria Ufficiale Maserati e Suzuki - Rivenditore e riparatore autorizzato FerrariLa stazione di servizio pensata su misura per te - Vieni a provare i nostri carburanti

Tu sei qui: CronacaOperazione Delizia, la droga arrivava in ambulanza

Cronaca

All’indomani della maxi operazione dei Carabinieri del Comando Provinciale emergono altri particolari dell’inchiesta che ha portato a 56 arresti

Operazione Delizia, la droga arrivava in ambulanza

L'organizzazione smantellata aveva rapporti con storici clan partenopei

Scritto da (Francesca De Simone), venerdì 24 settembre 2021 11:04:37

Ultimo aggiornamento venerdì 24 settembre 2021 11:04:37

Pensavano di muoversi con grande astuzia, attraverso l'impiego dell'ambulanza per il trasporto della droga, ed invece è stata proprio l'eccessiva spregiudicatezza a farli finire nel mirino degli investigatori, le cui indagini erano partite un anno fa per poi portare all'arresto di 56 soggetti, 35 dei quali in carcere e gli altri ai domiciliari, tutti a vario titolo indagati dei reati di associazione per delinquere finalizzata al traffico illecito di sostanze stupefacenti, detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti e detenzione abusiva di armi clandestine.

La maxi operazione dei Carabinieri del Comando Provinciale, in grado di smantellare l'organizzazione che spacciava cocaina, crack e hashish, ha preso il nome di Delizia, perché prende spunto dal nome dell'attività commerciale ("Delicious") del capo e promotore del sodalizio e della moglie, e che veniva utilizzata a volte anche come base logistica per le condotte criminose. Ad indagare per primi i Carabinieri della Tenenza di Pagani, supportata dal Reparto Territoriale di Nocera Inferiore, su un'organizzazione dedita allo spaccio, all'ingrosso e al dettaglio, non solo a Pagani, ma in vari comuni della provincia, dalla Costiera Amalfitana alla Piana del Sele. Tra le iniziative degne di nota, quella dell'utilizzo dell'ambulanza e del suo autista come corriere.

L'indagine è partita da un giro di noti e abituali assuntori che si recavano a casa di Giacomo De Risi, arrestato nell'ambito dell'operazione e già ai domiciliari per precedenti specifici. Si è scoperta, così, l'esistenza di una strutturata organizzazione, da lui promossa e diretta. Tra i principali stabili fornitori sono stati individuati soggetti appartenenti o legati alla famiglia Gionta di Torre Annunziata, e in particolare Valentino Gionta (nipote dell'omonimo, storica figura apicale del clan) e suoi sodali/referenti; Nicola Fiore alias "O' Pallin", paganese con precedenti per tentato omicidio, associazione di tipo mafioso, estorsione, reati in materia di armi e stupefacenti, già affiliato al disciolto clan Contaldo sodalizio autoctono collegato alla "Nuova Famiglia"; e, ancora, altri paganesi in accertati rapporti di frequentazione con esponenti delle famiglie storiche della criminalità organizzata locale o in rapporti di parentela con essi: è il caso di Giuseppe D'Auria, nipote di Giuseppe Olivieri detto "Peppe Saccone", figura di grande rilievo della camorra dell'Agro nocerino-sarnese degli anni '80 e referente areale della "Nuova Famiglia", ucciso in un agguato camorristico il 25 giugno 1990. In tutto sono stati coinvolti nell'operazione 350 militari impegnati in Campania e non solo. L'indagine è partita dalla Procura di Nocera per poi investire anche la Direzione distrettuale Antimafia.

Galleria Fotografica

rank:

Cronaca

Cronaca

Sulle tracce dei turisti

Sulla scorta delle indicazioni ricevute all'infopoint della stazione marittima ci siamo mossi anche noi - come i turisti appena sbarcati al Molo Manfredi - verso il centro storico, anche per verificare se le lamentele raccolte ieri sulla segnaletica fossero corrette o meno, come invece ci era stato segnalato...

Cronaca

Fonderie Pisano, Napoli indagato per la mancata chiusura

Proroga delle indagini di ulteriori di sei mesi per il sindaco di Salerno Vincenzo Napoli. La vicenda giudiziaria che tocca il primo cittadino riguarda le Fonderie Pisano e risale al settembre 2021 dopo l'esposto depositato dall'associazione Salute e Vita. Il reato ipotizzato è omissione d'ufficio, in...

Cronaca

Nuova differenzia, facilitatori porta a porta

Sono muniti di pettorina e cartellino identificativo, i facilitatori ambientali che da oggi e per le prossime settimane gireranno in lungo e largo la città di Salerno per informare i cittadini sulle nuove modalità di raccolta differenziata. I facilitatori, consegneranno calendari, vademecum ed anche...

Cronaca

Controlli dei carabinieri del Nas nella Provincia di Salerno

Controlli dei carabinieri del Nas nella Provincia di Salerno. Effettuate 522 Ispezioni a Tutela Della Salute Pubblica. In particolare sono stati adottati sequestri amministrativi del valore di oltre 5 milioni di euro, elevando 159 sanzioni, segnalando alle autorità amministrative 82 persone e 18 alle...

Aeranti - Associazione delle radio e tv locali, satellitari, via internet, agenzie di informazione e concessionarie pubblicitarie televisivePositano Notizie - Voce dalla Costiera Amalfitana