Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 17 ore fa S. Ignazio d'Antiochia

Date rapide

Oggi: 17 ottobre

Ieri: 16 ottobre

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Lira TV - ...e sei protagonistaLira TV

...e sei protagonista

Centro Medico Specialistico Orio - la persona al centro delle nostre cureCesarmeccanica - Concessionaria Ufficiale Maserati e Suzuki - Rivenditore e riparatore autorizzato FerrariLa stazione di servizio pensata su misura per te - Vieni a provare i nostri carburanti

Lira TV

Centro Medico Specialistico Orio - la persona al centro delle nostre cureCesarmeccanica - Concessionaria Ufficiale Maserati e Suzuki - Rivenditore e riparatore autorizzato FerrariLa stazione di servizio pensata su misura per te - Vieni a provare i nostri carburanti

Tu sei qui: CronacaOperazione “Sfiammati”, sgominata banda dedita ai furti d’auto, riciclaggio ed estorsione

Cronaca

La gang operava nell'Agro, la svolta nelle indagini dalle chat su WhatsApp

Operazione “Sfiammati”, sgominata banda dedita ai furti d’auto, riciclaggio ed estorsione

Sono otto le persone arrestate residenti nelle province di Salerno e Napoli: cinque sono in carcere, tre ai domiciliari

Scritto da (Francesca De Simone), mercoledì 16 dicembre 2020 13:20:59

Ultimo aggiornamento giovedì 17 dicembre 2020 07:45:17

Sgominata alle prime luci dell'alba una banda dedita al furto ed al riciclaggio di autovetture nella zona dell'Agro Nocerino. "Gli sfiammati": è stata denominata così l'operazione, che prende spunto dal nome che la gang aveva dato al gruppo WhatsApp attraverso cui veniva organizzata la propria attività. Nell'ambito di un'indagine, coordinata dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Nocera Inferiore, i Carabinieri del Comando Provinciale di Salerno hanno eseguito oggi l'ordinanza emessa dal G.I.P. del Tribunale, Luigi Levita: in 5 sono finiti in carcere, altri tre agli arresti domiciliari. Le otto persone coinvolte sono residenti tra le province di Napoli e Salerno (Scafati, Angri, Boscoreale, Torre Annunziata, Terzigno, Pompei e Castellammare di Stabia) e sono ritenute a vario titolo responsabili dei reati di associazione per delinquere finalizzata al compimento di plurimi reati contro la persona e il patrimonio, nonché estorsione, ricettazione e autoriciclaggio. Contestuali perquisizioni personali e locali sono state effettuate, su delega della Procura della Repubblica, anche a carico di altri 7 indagati in stato di libertà per gli stessi reati reati.

Le indagini, coordinate dal Sostituto Procuratore della Repubblica, Angelo Rubano, e dal Procuratore della Repubblica, Antonio Centore, prendono spunto da un'attività di controllo del territorio dei Carabinieri di Scafati e della Sezione Radiomobile di Nocera Inferiore, nel mese di ottobre dello scorso anno. In quell'occasione i militari dell'Arma avevano sequestrato un'auto risultata poi rubata e a bordo della quale viaggiava una delle persone arrestate e che viaggiava tenendosi a breve distanza da un'altra vettura occupata da altri tre complici, finiti anche loro in manette nell'ambito di tale operazione. Nella circostanza furono sequestrati i gli smartphone dei componenti della banda.

L'attenta e certosina attività di indagine si è concentrata proprio sulla ricostruzione minuziosa delle chat, che ha portato, come ha sottolineato nella conferenza stampa a distanza, il procuratore Centore, all'acquisizione di "inoppugnabili prove". Sono stati così reperiti gravi, molteplici e concordanti elementi indiziari circa l'esistenza di un'associazione per delinquere dedita stabilmente al compimento di plurimi furti di autovetture e al conseguimento di illeciti profitti attraverso la loro rivendita nel mercato occulto dei veicoli rubati o, in alternativa, la restituzione ai legittimi proprietari dietro pagamento di una quota estorsiva secondo il consueto e rodato modello del "cavallo di ritorno". In quest'ultimo caso il modus operandi della gang prevedeva che l'auto rubata, attentamente schedata in chat, dopo il furto veniva tranquillamente parcheggiata in strada per "farla riposare" monitorandola, anche attraverso webcam, in attesa di contattare i proprietari per la restituzione dietro pagamento di denaro.

Nel corso delle indagini, sono stati accertati 13 furti di autovettura, 16 episodi di ricettazione, 3 estorsioni e 2 casi di autoriciclaggio con asportazione dei dispositivi GPS al fine di impedirne la localizzazione successiva alla sottrazione furtiva. Altri episodi sono tuttora in fase di individuazione e ricostruzione.

Galleria Fotografica

rank:

Cronaca

Cronaca

Piazza della Libertà, nuovo atto vandalico

Non c'è pace per Piazza della Libertà. La nuova meta dello struscio dei salernitani e dei turisti, che si godono l'ottobrata, lasciandosi incantare dal panorama della passeggiata fronte mare con Stazione Marittima e Costiera Amalfitana da un lato e costa cilentana dall'altro a far da cornice a selfie...

Cronaca

Vento, ancora in corso le operazioni di messa in sicurezza in città

Il forte vento degli scorsi giorni è passato ed è il momento di fare la conta dei danni. In città a causa delle violente folate registratesi nelle scorse 48 ore si sono verificati notevoli disagi. Pannelli per l'affissione dei manifesti elettorali divelti, pali abbattuti, rami ed interi tronchi d'albero...

Cronaca

Aumento di vaccinazioni per avere il green pass

Più di 28mila somministrazioni nella sola giornata di giovedì in Campania. Alla vigilia dell'obbligo del green pass sui luoghi di lavoro, c'è stata una corsa al vaccino nella nostra regione ma l'incremento si registra già da inizio ottobre. Anche tra i più restii c'è chi si è convinto a sottoporsi al...

Cronaca

Ricci su green pass: “non si scherza sulla pelle dei lavoratori”

La posizione della Cgil sull'obbligo del green pass è chiara. "Non si può scaricare questa problematica solo sul sindacato e sui lavoratori" dice Nicola Ricci, segretario generale della Cgil Campania. Le parti sociali durante il periodo più duro della pandemia hanno sottoscritto i protocolli per favorire...

Aeranti - Associazione delle radio e tv locali, satellitari, via internet, agenzie di informazione e concessionarie pubblicitarie televisivePositano Notizie - Voce dalla Costiera AmalfitanaIl Vescovado - il giornale on line della Costa d'Amalfi