Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 1 ora fa S. Lamberto martire

Date rapide

Oggi: 16 aprile

Ieri: 15 aprile

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Lira TV - ...e sei protagonistaLira TV

...e sei protagonista

Centro Medico Specialistico Orio - la persona al centro delle nostre cureCesarmeccanica - Concessionaria Ufficiale Maserati e Suzuki - Rivenditore e riparatore autorizzato FerrariLa stazione di servizio pensata su misura per te - Vieni a provare i nostri carburanti

Lira TV

Centro Medico Specialistico Orio - la persona al centro delle nostre cureCesarmeccanica - Concessionaria Ufficiale Maserati e Suzuki - Rivenditore e riparatore autorizzato FerrariLa stazione di servizio pensata su misura per te - Vieni a provare i nostri carburanti

Tu sei qui: CronacaPolemica vaccini: i medici di base insorgono. Si sentono bistrattati

Cronaca

Le regole del piano vaccinale li relegano al sesto posto

Polemica vaccini: i medici di base insorgono. Si sentono bistrattati

Si sentono bistrattati rispetto ai burocrati della sanità

Scritto da (Andrea Siano), lunedì 4 gennaio 2021 08:13:06

Ultimo aggiornamento lunedì 4 gennaio 2021 08:13:06

Poche righe, in una mail che accompagna il testo integrale del piano di vaccinazione della Regione Campania, per manifestare il disappunto sull'ordine stabilito per la somministrazione delle dosi: i medici di medicina generale insorgono, tramite la sigla Fimmg ed il segretario Elio Giusto, perché collocati in sesta posizione dopo quelli che chiamano i "burocrati della sanità", i dirigenti medici che non sono a contatto con gli ammalati e che spesso lavorano da casa, in smart working.

Il tutto «nonostante la categoria dei medici di famiglia abbia il triste primato di avere tra le sue fila il 50 per cento dei 277 decessi tra i camici bianchi». La pietra dello scandalo è la tabella che individua i gruppi di rischio: ben 11, con in testa il personale medico e sanitario, gli infermieri, gli operatori socio-sanitari delle strutture ospedaliere pubbliche, private accreditate; ed ancora gli operatori e gli ospiti delle Rsa e case per anziani, chi lavora al 118 e nell'emergenza-urgenza, gli altri dipendenti ospedalieri pubblici e privati e delle restanti strutture sanitarie. Poi si arriva alle direzioni strategiche (i cosiddetti burocrati della sanità). E soltanto dopo il piano prevede il vaccino per gli specialisti ambulatoriali, i medici di medicina generale, i pediatri di libera scelta ed i loro assistenti, i medici in formazione, gli specializzandi ed i tirocinanti: ovvero coloro che spesso sono in trincea a fare il lavoro più "sporco" e quindi più rischioso. Un paradosso, che è previsto nelle linee guida nazionali e regionali che si giustifica con la necessità di blindare contro il Covid le strutture sanitarie. Ma i medici di base non ci stanno.

E come loro, storcono la bocca farmacisti, informatori scientifici, componenti Unità di crisi regionale, i volontari, gli operatori di studi medici/veterinari e odontoiatrici, i dipendenti dei laboratori privati accreditati. Anche in questo caso, si tratta di personale a contatto quotidiano con numerose persone, che andrebbe immunizzato il prima possibile.

Galleria Fotografica

rank:

Cronaca

Cronaca

Covid, prime riaperture dal 26 aprile. Draghi: "Precedenza a scuole e attività all'aperto"

Dal 26 aprile saranno riattivate le zone gialle in Italia, privilegiando le riaperture delle attività all'aperto. Il governo ha deciso perciò di applicare la norma del decreto legge anti Covid in vigore nelle aree dove le misure di contrasto all'epidemia hanno mostrato di funzionare maggiormente. I ristoranti...

Cronaca

De Luca bacchetta il Governo per le forniture e parla della riapertura dei ristoranti

La Regione Campania ha ricevuto un numero di vaccini pari al 25 per cento della popolazione. Siamo l'ultima in Italia per la fornitura: è una vergogna". Lo ha detto il presidente della Giunta regionale della Campania, Vincenzo De Luca, nel corso del consueto punto sull'emergenza Covid del venerdì . "Ed...

Cronaca

Asl Salerno, online la piattaforma web E-CUP per prenotare online visite specialistiche ed esami diagnostici e pagare online il ticket tramite carte di credito

L'Asl Salerno ha attivato la piattaforma E-CUP, il Cup on-line che consente di prenotare visite e prestazioni e pagare il ticket in maniera comoda e autonoma. Alla piattaforma si accede dalla home page del sito www.aslsalerno.it Con il CUP ON-LINE sarà possibile: - prenotare visite specialistiche ed...

Cronaca

Lieve calo la curva del contagio in Campania

Sono 1.994 i nuovi positivi al Covid in Campania nelle ultime 24 ore di cui 748 sintomatici, su 19.495 tamponi molecolari esaminati. La curva del contagio cala in modo lieve con un indice di positività (relativo ai soli test molecolari) del 10,22% rispetto al 10,94% precedente. Nel bollettino dell'Unità...

Aeranti - Associazione delle radio e tv locali, satellitari, via internet, agenzie di informazione e concessionarie pubblicitarie televisivePositano Notizie - Voce dalla Costiera AmalfitanaIl Vescovado - il giornale on line della Costa d'Amalfi