Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 9 ore fa S. Giusto martire in Roma

Date rapide

Oggi: 28 febbraio

Ieri: 27 febbraio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Lira TV - ...e sei protagonistaLira TV

...e sei protagonista

Centro Medico Specialistico Orio - la persona al centro delle nostre cureCesarmeccanica - Concessionaria Ufficiale Maserati e Suzuki - Rivenditore e riparatore autorizzato FerrariLa stazione di servizio pensata su misura per te - Vieni a provare i nostri carburanti

Lira TV

Centro Medico Specialistico Orio - la persona al centro delle nostre cureCesarmeccanica - Concessionaria Ufficiale Maserati e Suzuki - Rivenditore e riparatore autorizzato FerrariLa stazione di servizio pensata su misura per te - Vieni a provare i nostri carburanti

Tu sei qui: CronacaPorti, 1 scalo marittimo su 7 è oggetto degli interessi della criminalità organizzata

Cronaca

‘Ndrangheta, criminalità organizzata di origine cinese e camorra le organizzazioni criminali più attive

Porti, 1 scalo marittimo su 7 è oggetto degli interessi della criminalità organizzata

Ancona, Cagliari, Genova e Gioia Tauro quelli più sfruttati, ma anche Salerno e Napoli

Scritto da (Francesca Salemme), martedì 26 gennaio 2021 11:33:01

Ultimo aggiornamento martedì 26 gennaio 2021 11:33:01

"Dal 2005 al 2017 un porto italiano su sette è stato oggetto degli interessi della criminalità organizzata". La denuncia arriva da una ricerca pubblicata su lavialibera.it il sito della rivista di Libera e Gruppo Abele.

Secondo quanto emerge dalla ricerca, - scrive l'autore Marco Antonelli, che ha preso in esame le 12 relazioni pubblicate della Direzione nazionale antimafia tra il giugno 2005 e il giugno 2017 - sui 351 porti presenti in Italia, ben 50 (circa il 14% del totale) sono stati oggetto di una qualche proiezione di gruppi criminali. Non si tratta solo di porti minori, anzi: alcuni sono identificati come di "rilievo nazionale" per la loro importanza amministrativa e altri come di "rilevanza nazionale" per la loro centralità economica. Si tratta, dunque, di un interesse diffuso e marcato, soprattutto nei porti strategici per l'economia del paese.

La frequenza dei riferimenti a ciascun porto nel corso del tempo mostra come alcuni scali sembrano essere stati costantemente sfruttati dalle organizzazioni criminali: Ancona, Cagliari, Genova e Gioia Tauro sono presenti in tutte le relazioni analizzate. Anche i porti di Salerno e Taranto compaiono quasi sempre (in 11 relazioni), così come Livorno, Napoli, Olbia e Trieste, presenti in 10 report. La mappa che ne deriva conferma che le proiezioni della criminalità organizzata all'interno dei porti sono diffuse in tutto il territorio nazionale, da Nord a Sud del Paese, nelle coste tirreniche e adriatiche, a prescindere dalla regione in cui il porto è insediato.

La Dna identifica 15 gruppi criminali che svolgono attività sia nell'economia legale, sia nei mercati illeciti, in particolare nel traffico di stupefacenti, talvolta anche attivi contemporaneamente o federati in cartelli. Tra questi, la ‘ndrangheta è l'unica presente in tutti i report, seguita dalla criminalità organizzata cinese (presente in 11) e dalla camorra (in 10). Non tutte le organizzazioni sono coinvolte in tutti i tipi di affari che avvengono in ambito portuale. Il coinvolgimento della criminalità organizzata negli scali è legata prevalentemente ai traffici: stupefacenti, rifiuti e contrabbando di sigarette compaiono in tutte le relazioni analizzate. Poi i contraffatti e il traffico di esseri umani, mentre altre attività sembrano essere più sporadiche.

Dunque i porti sono uno snodo strategico e di fondamentale importanza per la criminalità organizzata, che può sfruttare l'infrastruttura e i collegamenti per svariati scopi. Un tema su cui, si legge nelle conclusioni della ricerca, il dibattito politico sembra ancora troppo timido.

Galleria Fotografica

rank:

Cronaca

Cronaca

Controlli anti-Covid, 180 persone multate per mancato uso mascherina

Anche nel corso dei giorni appena trascorsi l'attività di prevenzione ed i controlli per il contenimento della diffusione del Coronavirus Covid-19 sono continuati su tutto il territorio provinciale. Le forze dell'ordine hanno conseguito i seguenti risultati: 8817 persone controllate; 5447 veicoli controllati;...

Cronaca

Covid, le varianti fanno paura anche in Campania

Rimanere in casa il più possibile, evitare le occasioni di contatto con persone che non rientrano nel proprio nucleo abitativo che non siano strettamente necessarie, rispettare le misure raccomandate dalle autorità sanitarie (compresi i provvedimenti di quarantena dei contatti stretti dei casi accertati...

Cronaca

Ennesima aggressione a controllore, i sindacati chiedono l'intervento del Prefetto

Dopo l'aggressione ai danni di un verificatore, in una nota unitaria del settore trasporti esprimono il loro sdegno: «Condanniamo aspramente, l'ennesima e vile aggressione perpetrata a Mercatello sulla linea "8" ai danni di un lavoratore di Busitalia Campania da parte di un utente facinoroso, scagliatosi...

Cronaca

Covid: balzo in avanti del contagio in tutta la Campania

Salgono vertiginosamente i contagi in Campania con un'incidenza più del doppio rispetto alla media nazionale. E restano i ritardi sui vaccini. Preoccupa l'ulteriore balzo in avanti della curva dei contagi in Campania. Appena qualche ora fa l'incidenza dei positivi sul totale dei tamponi effettuati superava...

Aeranti - Associazione delle radio e tv locali, satellitari, via internet, agenzie di informazione e concessionarie pubblicitarie televisivePositano Notizie - Voce dalla Costiera AmalfitanaIl Vescovado - il giornale on line della Costa d'Amalfi