Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 14 ore fa S. Filippo Neri sacerdote

Date rapide

Oggi: 26 maggio

Ieri: 25 maggio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Lira TV - ...e sei protagonistaLira TV

...e sei protagonista

Centro Medico Specialistico Orio - la persona al centro delle nostre cureCesarmeccanica - Concessionaria Ufficiale Maserati e Suzuki - Rivenditore e riparatore autorizzato FerrariLa stazione di servizio pensata su misura per te - Vieni a provare i nostri carburanti

Lira TV

Centro Medico Specialistico Orio - la persona al centro delle nostre cureCesarmeccanica - Concessionaria Ufficiale Maserati e Suzuki - Rivenditore e riparatore autorizzato FerrariLa stazione di servizio pensata su misura per te - Vieni a provare i nostri carburanti

Tu sei qui: CronacaReveng porn, accusati due minorenni salernitani

Cronaca

Diffondevano tramite le chat di Whatsapp e Telegram materiale pedopornografico

Reveng porn, accusati due minorenni salernitani

Allarmante il fenomeno del sexting tra gli adolescenti

Scritto da (Alessandro Ferro), domenica 12 settembre 2021 12:52:18

Ultimo aggiornamento domenica 12 settembre 2021 12:52:18

Due minorenni salernitani sono coinvolti nel cosiddetto "sexting", l'allarmante fenomeno sempre più diffuso tra gli adolescenti che pubblicano in rete immagini porno di minorenni. È quanto emerge da un'inchiesta della Procura della Repubblica presso il Tribunale per i minorenni di Salerno. I due giovani salernitani, ora in una comunità, sono accusati di reveng porn e di detenzione, diffusione e commercializzazione di materiale pedopornografico perché hanno pubblicato in rete, attraverso le chat di Whatsapp e Telegram, i video sessualmente espliciti di minorenni chiedendo in cambio immagini hot di altre ragazze adolescenti.

L'operazione della polizia postale ha permesso di accertare che, in uno dei casi, i video erano stati diffusi per ripicca nei confronti di una ex fidanzata. In poco tempo le immagini porno si erano diffuse a catena su molte chat con uno scambio notevole di video e foto hot.

Su uno dei telefoni sequestrati, utilizzato da un adolescente finito in comunità, sono stati trovati i messaggi con i quali proponeva ai coetanei il baratto dei video della sua ex fidanzata: «Scambio foto della mia ex per pedo», accompagnato da una immagine hot della minorenne. Il fenomeno del sexting è allarmante perché gli adolescenti condividono immagini pedopornografiche quasi per gioco, senza rendersi conto degli effetti devastanti procurati alle vittime.

Galleria Fotografica

rank:

Cronaca

Cronaca

Violenza sessuale su instagram, arrestato un 16enne catanese

Violenza sessuale ai danni di un tredicenne. Con questa accusa gli agenti della Sezione di Salerno del Compartimento Polizia Postale e delle Comunicazioni Campania hanno dato esecuzione, nei giorni scorsi, ad un'ordinanza cautelare, con la quale è stata disposta la misura del collocamento in comunità,...

Cronaca

Ospedale Roccadaspide, reparti verso la chiusura: la denuncia della Uil Fpl Salerno

I reparti di medicina e lungodegenza dell'Ospedale di Roccadaspide rischiano, a breve, la chiusura: è la denuncia fatta dalla Uil Fpl di Salerno. Il provvedimento arriverebbe a seguito dei trasferimenti in uscita di alcuni dirigenti medici presso altre strutture dell'Asl Salerno con la mancata compensazione...

Cronaca

Capi contraffatti al mercato di Cava, blitz della Finanza

Capi d'abbigliamento falsi venduti in violazione della disciplina a tutela dei marchi e del Made in Italy. Succedeva al mercato rionale di Cava Dè Tirreni. A scoprirlo sono stati i finanzieri a seguito di accurati controlli. I capi d'abbigliamento per adulti e bambini riportavano loghi di note griffe,...

Cronaca

PalaSele, ripartono i grandi live

L'attesa è durata due anni, l'ultimo spettacolo segna la data del 19 gennaio e ad incantare il pubblico c'era Renato Zero. Poi il lockdown, ha spento la musica. Dopo 860 giorni, al Palasele di Eboli si alza il volume e si riaccendono le luci. Da sabato 28 maggio tornano i grandi live. 11 gli spettacoli...

Aeranti - Associazione delle radio e tv locali, satellitari, via internet, agenzie di informazione e concessionarie pubblicitarie televisivePositano Notizie - Voce dalla Costiera Amalfitana