Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 1 ora fa S. Marco solitario

Date rapide

Oggi: 24 ottobre

Ieri: 23 ottobre

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Lira TV - ...e sei protagonistaLira TV

...e sei protagonista

Centro Medico Specialistico Orio - la persona al centro delle nostre cureCesarmeccanica - Concessionaria Ufficiale Maserati e Suzuki - Rivenditore e riparatore autorizzato FerrariLa stazione di servizio pensata su misura per te - Vieni a provare i nostri carburanti

Lira TV

Centro Medico Specialistico Orio - la persona al centro delle nostre cureCesarmeccanica - Concessionaria Ufficiale Maserati e Suzuki - Rivenditore e riparatore autorizzato FerrariLa stazione di servizio pensata su misura per te - Vieni a provare i nostri carburanti

Tu sei qui: CronacaScuola, la Campania dice no alle nuove linee guida

Cronaca

Scuola, la Campania dice no alle nuove linee guida

Scritto da (admin), sabato 27 giugno 2020 09:22:10

Ultimo aggiornamento sabato 27 giugno 2020 09:22:10

Si riaprirà il 14 settembre, tranne che nella nostra Regione: De Luca si sfila e attacca Conte. Arriverà un altro miliardo.

Dopo due giorni di confronto-scontro e la revisione di alcuni punti, (ma più probabilmente per il miliardo in più promesso dal governo), ieri pomeriggio le nuove linee guida per il ritorno a scuola hanno avuto il via libera dalla Conferenza Unificata, con le Regioni tutte d’accordo. Tutte tranne la Campania, che attraverso il presidente De Luca ha ribadito il suo «no» per via dell’organico ancora non definito, dei fondi insufficienti per l’edilizia scolastica e delle responsabilità scaricate solo sui dirigenti. Nel nuovo documento si affronta il tema dell’uso delle mascherine – la decisione arriverà entro il 31 agosto – e della distanza interpersonale: un metro, tra «le rime buccali», cioè tra le bocche e dunque le teste, due metri in palestra. E ancora: i banchi dovranno essere monoposto. Tra le novità sanitarie i test sierologici e lo screening per professori, personale e studenti e il ripristino del medico scolastico. E poi: dovrà restare a casa chi ha 37.5 ma anche chi ha il raffreddore. Gli istituti chiuderanno se ci sarà lock down nel comune, se invece il contagio è dentro la scuola, il contagiato verrà isolato e mandato a casa, insieme alle persone entrate in contatto con lui. Dunque resterà a casa almeno la classe. Limato il riferimento all’uso della didattica a distanza per le superiori, e anche l’eventualità di andare a scuola il sabato: si parla di «una diversa modulazione settimanale del tempo scuola». Resta il no della ministra ai doppi turni, ma si potranno fare comunque dei «turni differenziati». Il problema che più preoccupa, però, non è la scuola, ma «l’andare a scuola», cioè l’uso dei mezzi pubblici: gli studenti costituiscono quasi un quinto degli utenti di bus, treni e metro. Da qui gli ingressi scaglionati, fino alle 10 per gli studenti delle superiori. Mentre per elementari e medie tra le 7.45 e le 9. Per gestire queste situazioni si potrà attingere al nuovo miliardo messo a disposizione dall’esecutivo: servirà per assumere 50 mila tra bidelli e supplenti annuali. Per quanto riguarda la Campania il no riguarda anche il rientro in classe, che De Luca ha confermato per il 24 settembre, dopo le elezioni regionali (in calendario il 20 e il 21 settembre), dieci giorni dopo il resto del Paese (per cui la campanella suonerà il 14). Uno strappo netto, che però Azzolina ritiene sanabile, tanto da dichiarare, durante la conferenza stampa a Palazzo Chigi con il premier, che «si arriverà a una soluzione anche con il presidente De Luca». Prima ancora che col governatore campano, però, il ministro dovrà fare i conti con i dirigenti scolastici, perché, per rispettare il distanziamento sociale, il 15 per cento degli studenti - cioè 1 milione e duecentomila bambini e ragazzi - dovrà essere ricollocato in luoghi alternativi alle scuole. Presidi e uffici regionali hanno due mesi per trovarli. Il ministero – dal canto suo - ha messo a disposizione un software, chiamato «cruscotto informatico», che aiuterà a stabilire dove ci sono troppi studenti rispetto allo spazio… Insomma, lo scontro continua.

Galleria Fotografica

rank:

Cronaca

Cronaca

Divisi alla meta

L'auspicio è che si possa giungere "divisi alla meta". Seppur divisi, ma alla meta, cioè al superamento di un'emergenza sanitaria che - se nella prima ondata, tutto sommato, ha risparmiato la Campania - in questo successivo tsunami di contagi fa registrare progressive impennate a dir poco preoccupanti:...

Cronaca

De Luca: “Per l’Italia deciderà il governo, per la Campania faremo quello che riteniamo giusto"

La Campania verso il lockdown: ad annunciarlo, nel corso della consueta diretta facebook del venerdì, è stato il presidente della Regione Vincenzo De Luca che ha parlato di una "chiusura totale", fatta eccezione per le attività essenziali. Una decisione che il governatore ha accompagnato con la richiesta...

Cronaca

Dati Campania: 2.280 nuovi contagi

I numeri dell'epidemia li aveva anticipati il governatore Vincenzo De Luca nella consueta diretta del venerdì. L'Unità di Crisi regionale non ha fatto altro che certificare il quadro allarmante esposto dal presidente: 2.180 tamponi positivi sui 15.801 effettuati. Si tratta del numero più alto da quando...

Cronaca

+++ COVID-19, DE LUCA: "E' INDISPENSABILE DECIDERE SUBITO IL LOCKDOWN"+++

Il Presidente della Regione Campania chiede al Governo nazionale il lockdown totale «I dati attuali sul contagio rendono inefficace ogni tipo di provvedimento parziale. È necessario chiudere tutto, fatte salve le categorie che producono e movimentano beni essenziali (industria, agricoltura, edilizia,...

Aeranti - Associazione delle radio e tv locali, satellitari, via internet, agenzie di informazione e concessionarie pubblicitarie televisivePositano Notizie - Voce dalla Costiera AmalfitanaIl Vescovado - il giornale on line della Costa d'Amalfi