Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 25 minuti fa S. Teodoro martire

Date rapide

Oggi: 20 settembre

Ieri: 19 settembre

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Lira TV - ...e sei protagonistaLira TV

...e sei protagonista

Centro Medico Specialistico Orio - la persona al centro delle nostre cureCesarmeccanica - Concessionaria Ufficiale Maserati e Suzuki - Rivenditore e riparatore autorizzato FerrariLa stazione di servizio pensata su misura per te - Vieni a provare i nostri carburanti

Lira TV

Centro Medico Specialistico Orio - la persona al centro delle nostre cureCesarmeccanica - Concessionaria Ufficiale Maserati e Suzuki - Rivenditore e riparatore autorizzato FerrariLa stazione di servizio pensata su misura per te - Vieni a provare i nostri carburanti

Tu sei qui: CronacaSquecco parla ai giudici: chiesti gli arresti domiciliari

Cronaca

I legali hanno chiesto gli arresti domiciliari

Squecco parla ai giudici: chiesti gli arresti domiciliari

L'imprenditore incuteva timore

Scritto da (Andrea Siano), domenica 24 gennaio 2021 08:49:52

Ultimo aggiornamento domenica 24 gennaio 2021 08:49:52

I legali del noto imprenditore capaccese, Roberto Squecco, finito in carcere nell'ambito dell'inchiesta "Croci del Silaro", hanno chiesto gli arresti domiciliari, dopo l'interrogatorio di garanzia.

Roberto Squecco ha parlato, certo, ma a quanto pare non per vuotare il sacco. L'imprenditore di Capaccio, difeso dall'avvocato Turi, avrebbe spiegato punto per punto la sua versione dei fatti riguardo le circostanze sulla base delle quali gli inquirenti lo accusano di riciclaggio ed autoricilaggio, di aver intestato fittiziamente società e beni a prestanome per eludere gli effetti delle misure patrimoniali emesse a suo carico; di aver utilizzato le ambulanze del 118 per un corteo a sirene accese dopo la vittoria di Franco Alfieri alle elezioni del 2019. Senza contare i passaggi di denaro e le commistioni da chiarire tra associazioni per l'assistenza infermi ed imprese di pompe funebri; nonché il ruolo improprio spesso assunto da autisti, infermieri e medici quali rappresentanti legali di alcune società.

Squecco avrebbe provato chiarire ogni cosa, precisando ai giudici di esser pronto ad ulteriori incontri. Il suo legale, pur non contestando alla radice alcune delle accuse, ha insistito sulla necessità di definire e qualificare diversamente, sotto il profilo giuridico, le condotte di Squecco. Di qui, la decisione di chiedere la trasformazione della custodia in carcere in arresti domiciliari. La magistratura punta dritto alle infiltrazioni criminali nel settore del trasporto infermi e delle onoranze funebri, aspettando gli interrogatori delle altre 10 persone raggiunte da misure cautelari perché accusate a vario titolo di intestazione fittizia di beni, riciclaggio, reimpiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita, auto-riciclaggio, peculato, abuso d'ufficio e falso, turbata libertà degli incanti ed emissione di fatture per operazioni inesistenti.

Tra i coinvolti, una dirigente dell'Asl di Salerno ora sospesa dal servizio, un paio di nipoti di Squecco e la moglie, che è pure consigliere comunale a Capaccio. Dalle intercettazioni, emergerebbe che lo stesso Squecco, alla guida di un mezzo di pronto intervento, avrebbe partecipato al carosello di ambulanze per festeggiare l'elezione di sua moglie, Stefania Nobili e del sindaco Alfieri. A riferirlo uno degli indagati, che ha raccontato la reazione stupita e contrariata dei volontari del 118, in servizio in quel momento, nel sottostare alle direttive di Squecco di partecipare al corteo di ambulanze. Squecco incuteva timore, per fama e frequentazioni discutibili, che già in passato gli hanno procurato guai con la giustizia.

Galleria Fotografica

rank:

Cronaca

Cronaca

Piazza della libertà, tutto pronto per l'inaugurazione

Questa è la nuova cartolina di Salerno. Una nuova identità grazie ad un'opera importante, destinata a scrivere la storia della città. Operai al lavoro stamane per gli ultimi dettagli in vista dell'inaugurazione di oggi di piazza della Libertà. A lungo attesa, la nuova piazza sul mare di Salerno è pronta...

Cronaca

Piazza della Libertà, dal plastico all’inaugurazione

Dodici anni fa Piazza della Libertà si presentava alla città attraverso il plastico che l'allora sindaco, Vincenzo De Luca illustrò ufficialmente, a Salerno, alla presenza del progettista, l'architetto catalano Riccardo Bofill. Era il marzo del 2009 e l'idea iniziava a prendere forma: il plastico, con...

Cronaca

Carabinieri, maxi sequestro di droga e soldi in una casa a Salerno

Quasi 6 chili di hashish, oltre 300 grammi di cocaina, 120mila euro in contanti e 3,5 chili di materiale esplodente. Sequestro record dei Carabinieri a Salerno in un appartamento situato a soli cinquecento metri dal Comando Provinciale dell'Arma a Mercatello. Nei guai due fratelli salernitani di 39 e...

Cronaca

Tamponi negativi ai Salesiani, si torna a scuola

Sono tutti negativi i tamponi effettuati dopo i due casi di positività riscontrati tra i minori che avevano partecipato nei giorni scorsi al campus dell'oratorio dei Salesiani di Salerno. I risultati dei test consentono a 250 studenti tra elementari e medie di poter andare domani a scuola. Per loro il...

Aeranti - Associazione delle radio e tv locali, satellitari, via internet, agenzie di informazione e concessionarie pubblicitarie televisivePositano Notizie - Voce dalla Costiera AmalfitanaIl Vescovado - il giornale on line della Costa d'Amalfi