Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 16 ore fa S. Domenico di Guzman

Date rapide

Oggi: 8 agosto

Ieri: 7 agosto

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Lira TV - ...e sei protagonistaLira TV

...e sei protagonista

Centro Medico Specialistico Orio - la persona al centro delle nostre cureCesarmeccanica - Concessionaria Ufficiale Maserati e Suzuki - Rivenditore e riparatore autorizzato FerrariLa stazione di servizio pensata su misura per te - Vieni a provare i nostri carburanti

Lira TV

Centro Medico Specialistico Orio - la persona al centro delle nostre cureCesarmeccanica - Concessionaria Ufficiale Maserati e Suzuki - Rivenditore e riparatore autorizzato FerrariLa stazione di servizio pensata su misura per te - Vieni a provare i nostri carburanti

Tu sei qui: Cultura e SpettacoloPresentato il nuovo libro di Gaetano Mansi

Cultura e Spettacolo

Una raccolta di immagini che testimonia il momento di svolta vissuto dalla città

Presentato il nuovo libro di Gaetano Mansi

Il fotografo racconta uno spaccato di Salerno tra la metà degli anni '70 e il sisma del 1980

Scritto da (Michele Masturzo), sabato 25 giugno 2022 12:55:16

Ultimo aggiornamento sabato 25 giugno 2022 12:55:16

54x70 è il titolo del nuovo libro del fotografo Gaetano Mansi. Si tratta di un racconto per immagini di Salerno dal 1974 agli inizi degli anni '80, un periodo che ancora risentiva delle forti influenze sessantottine e che ha segnato un forte cambiamento della città, a tutti i livelli, fino a quando la stessa non è stata sconvolta dal terremoto.

"Gli anni Settanta furono un periodo di grandi fermenti politici, culturali ed artistici durante il quale Salerno ebbe un ruolo importante - ha ricordato il sindaco Napoli -. Queste fotografie e la mostra allestita al Ghirelli ci aiutano a riavvolgere il filo della memoria ma hanno un pregio. Non è un'operazione nostalgia. Non guardiamo queste foto come ad uno specchio nel vedere la nostra immagine riflessa, magari rimpiangendo l'ebbrezza della gioventù. In queste foto io scorgo l'ansia inesausta di una stagione, direi anche di una generazione, incompiuta. La grande stagione, anche attraverso i primi referendum, dei diritti civili, della piena emancipazione femminile, della riforma del lavoro, della crescita di un'istanza di cambiamento della politica e dei suoi linguaggi, del ruolo dell'Università nella società civile. Una stagione bruscamente interrotta dal - la drammatica scia di sangue degli Anni di Piombo e dalle sue feroci contrapposizioni. Una stagione nella quale, guardando alla nostra terra, il Terremoto segna uno spartiacque epocale. Guardare queste foto ci aiuta a ricordare che resta ancora tanto lavoro da fare e che libertà, democrazia, pace, giustizia sociale vanno conquistati e difesi ogni giorno senza mai darli per scontati".

"Devo dire grazie alla pandemia che mi ha costretto davanti ad un computer per lunghi mesi e mi ha permesso di mettere mano alle decine di migliaia di negativi di quel periodo - ha rivelato Gaetano Mansi -. Alla metà degli anni ‘70 Salerno era una città con una vita culturale e sociale vivacissima: il '68 era ancora vicino, l ' università era giovane ed i ntegrata nella vita sociale, l ' economia era florida, la lotta politica incandescente, non erano ancora nate le Tv locali, internet non esisteva e se volevi comunicare dovevi scattare foto e poi stamparle. I manifesti erano dappertutto, c 'erano tanti giornali, nazionali e locali, insomma l ' ambiente ideale per un ragazzo che voleva fare il fotografo. Ho sempre e solo voluto fare il fotografo e questo ha reso la mia vita uno spasso, lo dico forse troppo spesso, ma in quegli anni non mi pesava affatto scattare dalla mattina alla sera e sviluppare e stampare di notte: il lavoro era per me emozionante e non avevo nessun bisogno o voglia di uno svago o una vacanza".

Galleria Fotografica

rank:

Cultura e Spettacolo

Cultura e Spettacolo

Invisibili, il saluto di Papa Francesco ai giffoners

Covid, nuove povertà, guerre, immigrazione, i nuovi "invisibili" sono sempre di più, un vero e proprio esercito di cui la chiesa, il mondo del volontariato, le istituzioni sembrano far fatica a prendersi cura. A loro è dedicata, non solo idealmente, l'edizione numero 52 del Giffoni Film Festival che...

Cultura e Spettacolo

Un libro sotto le stelle, buona la prima

«Il Giro racconta. La meravigliosa storia della Corsa Rosa e dei sui 115 arrivi in Campania», di Gian Paolo Porreca, da anni cantore del ciclismo, è stato il protagonista della prima serata di Un Libro Sotto le Stelle, giunto quest'anno alla sua diciottesima edizione. A bordo traghetto Aquarius della...

Cultura e Spettacolo

Giffoni, finanziati progetti per efficientamento energetico di due sale cinematografiche

Efficientamento energetico della Sala Truffaut nella Cittadella del Cinema e del Multicinema della Multimedia Valley: sono stati finanziati i due progetti presentati dall'Ente Autonomo Giffoni Experience nell'ambito dei bandi pubblicati dal Ministero della Cultura, guidato da Dario Franceschini, a valere...

Cultura e Spettacolo

Un gol per l'Ucraina: sabato gara di beneficenza

In campo per ricostruire un ospedale distrutto: è l'obiettivo di "Un gol per l'Ucraina", la partita di beneficenza tra la Nazionale Artisti Tv e Play2Give in programma sabato Lo stadio Arechi di Salerno apre di nuovo le porte della solidarietà: è in programma sabato l'evento ‘Un gol per l'Ucraina' dell'Associazione...

Aeranti - Associazione delle radio e tv locali, satellitari, via internet, agenzie di informazione e concessionarie pubblicitarie televisivePositano Notizie - Voce dalla Costiera Amalfitana