Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 9 ore fa S. Saturnino martire

Date rapide

Oggi: 29 novembre

Ieri: 28 novembre

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Lira TV - ...e sei protagonistaLira TV

...e sei protagonista

Centro Medico Specialistico Orio - la persona al centro delle nostre cureCesarmeccanica - Concessionaria Ufficiale Maserati e Suzuki - Rivenditore e riparatore autorizzato FerrariLa stazione di servizio pensata su misura per te - Vieni a provare i nostri carburanti

Lira TV

Centro Medico Specialistico Orio - la persona al centro delle nostre cureCesarmeccanica - Concessionaria Ufficiale Maserati e Suzuki - Rivenditore e riparatore autorizzato FerrariLa stazione di servizio pensata su misura per te - Vieni a provare i nostri carburanti

Tu sei qui: Cultura e SpettacoloTerremoto80, il progetto dell'INGV per ricordare il sisma del 23 novembre

Cultura e Spettacolo

La scossa che ridisegnò la geografia dell'Irpinia e di buona parte della Basilicata e del salernitano

Terremoto80, il progetto dell'INGV per ricordare il sisma del 23 novembre

Scienza, memoria e testimonianza sono le parole chiave del racconto, 40 anni dopo

Scritto da (Francesca Salemme), sabato 21 novembre 2020 10:05:56

Ultimo aggiornamento sabato 21 novembre 2020 10:05:56

Era la sera del 23 novembre di 40 anni fa quando, alle ore 19:34, una scossa di magnitudo 6.9 con epicentro tra le province di Avellino, Salerno e Potenza colpì una vasta area dell'Appennino meridionale con effetti devastanti Irpinia e nelle alte valli dell'Ofanto e del Sele a nord e nelle alte valli del Sabato e del Calore a sud, fino alla montagna salernitana e potentina.

Danni estesi anche in alcune zone della Puglia e in tutta la Campania e la Basilicata.

All'evento principale seguirono numerose altre scosse nelle ore e nei giorni successivi, che arrecarono ulteriori danni ai territori già colpiti. Nonostante i dati sismici all'epoca non fossero numerosi, i sismologi riuscirono a ricavare comunque informazioni preziose sul processo di rottura del terremoto. Per la prima volta si riconobbe la complessità del fenomeno sismico: non fu un unico evento a produrre la rottura della crosta terrestre, dalla profondità di 15 km fino alla superficie, ma almeno tre "sub-eventi" che nell'arco di meno di un minuto ruppero in successione tre segmenti di faglia adiacenti... comincia così la pagina dedicata al 23 novembre

Si intitola Terremoto80 - http://terremoto80.ingv.it/ - il progetto dell'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia in collaborazione con l'Università di Salerno, l'Università La Sapienza di Roma e l'Università Federico II di Napoli che ha l'obiettivo di raccontare il sisma dell'Irpinia ispirandosi a tre parole chiave: scienza; memoria; testimonianza.

La scienza viene declinata attraverso la sismologia, la geologia, la geofisica e più in generale tutte le scienze della terra che hanno avuto un grande impulso negli ultimi decenni.

La memoria - risorsa fondamentale per il genere umano - viene esercitata attraverso un lavoro di raccolta, organizzazione e rievocazione di memorie individuali e collettive capaci di renderla disponibile di generazione in generazione.

Da ultimo la testimonianza anzi le testimonianze: per alimentare un progetto così ambizioso è necessario costruire un archivio che non sia statico ma in costante evoluzione. Per questo l'istituto ha scelto la formula dell'open source, ovvero del contributo aperto: chiunque può lasciare esperienze, ricerche, testimonianze dirette e indirette sul 23 novembre del 1980 in formato testo, audio, video e fotografico.

Galleria Fotografica

rank:

Cultura e Spettacolo

Cultura e Spettacolo

Paestum e Velia: continua la didattica a distanza in diretta dalle aree archeologiche

Continua l'impegno del Parco Archeologico di Paestum e Velia per la didattica a distanza con le prime gite online che vedono in collegamento le guide e gli archeologi dai siti e le classi che seguono in rete. Il progetto è stato lanciato una settimana fa insieme all'associazione Cilento4All, già da anni...

Cultura e Spettacolo

Inaugurato il murales “Il Tuffatore” di via Vinciprova a Salerno

Il Tuffatore in un mare di plastica. L'artista salernitano Stefano Santoro, alias McNenya, con il supporto di Greenpeace Salerno, ha realizzato, nell'area di via Vinciprova a Salerno, il suo "Il Tuffatore" riprendendo il manufatto dell'arte funeraria della Magna Grecia esposto a Paestum. Stamane volge...

Cultura e Spettacolo

Violenza sulle donne: iniziativa di Cif e Liceo Da Vinci

Gli studenti del Liceo Da Vinci di Salerno ed il Centro Italiano Femminile, nel rispetto delle norme anti-Covid, hanno dato vita ad una iniziativa contro la violenza sulle donne. L'invito ad accendere le luci della città sulla violenza è arrivato dal Centro Italiano Femminile ed è stato subito raccolto...

Cultura e Spettacolo

La misura del tempo, video-documentario racconta le vite in divisa

Un cortometraggio, per raccontare attraverso i volti e le parole di donne e uomini della Polizia di Stato una professione complessa, che per sua natura si confronta con le realtà più dure e difficili della società. Stefano Ribaldi riesce a dare volto e voce al lavoro silenzioso di chi, attraverso il...

Aeranti - Associazione delle radio e tv locali, satellitari, via internet, agenzie di informazione e concessionarie pubblicitarie televisivePositano Notizie - Voce dalla Costiera AmalfitanaIl Vescovado - il giornale on line della Costa d'Amalfi