Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 14 ore fa S. Chiara da Montefalco

Date rapide

Oggi: 17 agosto

Ieri: 16 agosto

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Lira TV - ...e sei protagonistaLira TV

...e sei protagonista

Centro Medico Specialistico Orio - la persona al centro delle nostre cureCesarmeccanica - Concessionaria Ufficiale Maserati e Suzuki - Rivenditore e riparatore autorizzato FerrariLa stazione di servizio pensata su misura per te - Vieni a provare i nostri carburanti

Lira TV

Centro Medico Specialistico Orio - la persona al centro delle nostre cureCesarmeccanica - Concessionaria Ufficiale Maserati e Suzuki - Rivenditore e riparatore autorizzato FerrariLa stazione di servizio pensata su misura per te - Vieni a provare i nostri carburanti

Tu sei qui: Cultura e SpettacoloTerremoto80, il progetto dell'INGV per ricordare il sisma del 23 novembre

Cultura e Spettacolo

La scossa che ridisegnò la geografia dell'Irpinia e di buona parte della Basilicata e del salernitano

Terremoto80, il progetto dell'INGV per ricordare il sisma del 23 novembre

Scienza, memoria e testimonianza sono le parole chiave del racconto, 40 anni dopo

Scritto da (Francesca Salemme), sabato 21 novembre 2020 10:05:56

Ultimo aggiornamento sabato 21 novembre 2020 10:05:56

Era la sera del 23 novembre di 40 anni fa quando, alle ore 19:34, una scossa di magnitudo 6.9 con epicentro tra le province di Avellino, Salerno e Potenza colpì una vasta area dell'Appennino meridionale con effetti devastanti Irpinia e nelle alte valli dell'Ofanto e del Sele a nord e nelle alte valli del Sabato e del Calore a sud, fino alla montagna salernitana e potentina.

Danni estesi anche in alcune zone della Puglia e in tutta la Campania e la Basilicata.

All'evento principale seguirono numerose altre scosse nelle ore e nei giorni successivi, che arrecarono ulteriori danni ai territori già colpiti. Nonostante i dati sismici all'epoca non fossero numerosi, i sismologi riuscirono a ricavare comunque informazioni preziose sul processo di rottura del terremoto. Per la prima volta si riconobbe la complessità del fenomeno sismico: non fu un unico evento a produrre la rottura della crosta terrestre, dalla profondità di 15 km fino alla superficie, ma almeno tre "sub-eventi" che nell'arco di meno di un minuto ruppero in successione tre segmenti di faglia adiacenti... comincia così la pagina dedicata al 23 novembre

Si intitola Terremoto80 - http://terremoto80.ingv.it/ - il progetto dell'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia in collaborazione con l'Università di Salerno, l'Università La Sapienza di Roma e l'Università Federico II di Napoli che ha l'obiettivo di raccontare il sisma dell'Irpinia ispirandosi a tre parole chiave: scienza; memoria; testimonianza.

La scienza viene declinata attraverso la sismologia, la geologia, la geofisica e più in generale tutte le scienze della terra che hanno avuto un grande impulso negli ultimi decenni.

La memoria - risorsa fondamentale per il genere umano - viene esercitata attraverso un lavoro di raccolta, organizzazione e rievocazione di memorie individuali e collettive capaci di renderla disponibile di generazione in generazione.

Da ultimo la testimonianza anzi le testimonianze: per alimentare un progetto così ambizioso è necessario costruire un archivio che non sia statico ma in costante evoluzione. Per questo l'istituto ha scelto la formula dell'open source, ovvero del contributo aperto: chiunque può lasciare esperienze, ricerche, testimonianze dirette e indirette sul 23 novembre del 1980 in formato testo, audio, video e fotografico.

Galleria Fotografica

rank:

Cultura e Spettacolo

Cultura e Spettacolo

Invisibili, il saluto di Papa Francesco ai giffoners

Covid, nuove povertà, guerre, immigrazione, i nuovi "invisibili" sono sempre di più, un vero e proprio esercito di cui la chiesa, il mondo del volontariato, le istituzioni sembrano far fatica a prendersi cura. A loro è dedicata, non solo idealmente, l'edizione numero 52 del Giffoni Film Festival che...

Cultura e Spettacolo

Un libro sotto le stelle, buona la prima

«Il Giro racconta. La meravigliosa storia della Corsa Rosa e dei sui 115 arrivi in Campania», di Gian Paolo Porreca, da anni cantore del ciclismo, è stato il protagonista della prima serata di Un Libro Sotto le Stelle, giunto quest'anno alla sua diciottesima edizione. A bordo traghetto Aquarius della...

Cultura e Spettacolo

Giffoni, finanziati progetti per efficientamento energetico di due sale cinematografiche

Efficientamento energetico della Sala Truffaut nella Cittadella del Cinema e del Multicinema della Multimedia Valley: sono stati finanziati i due progetti presentati dall'Ente Autonomo Giffoni Experience nell'ambito dei bandi pubblicati dal Ministero della Cultura, guidato da Dario Franceschini, a valere...

Cultura e Spettacolo

Presentato il nuovo libro di Gaetano Mansi

54x70 è il titolo del nuovo libro del fotografo Gaetano Mansi. Si tratta di un racconto per immagini di Salerno dal 1974 agli inizi degli anni '80, un periodo che ancora risentiva delle forti influenze sessantottine e che ha segnato un forte cambiamento della città, a tutti i livelli, fino a quando la...

Aeranti - Associazione delle radio e tv locali, satellitari, via internet, agenzie di informazione e concessionarie pubblicitarie televisivePositano Notizie - Voce dalla Costiera Amalfitana