Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 18 ore fa S. Maria Goretti vergine e martire

Date rapide

Oggi: 6 luglio

Ieri: 5 luglio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Lira TV - ...e sei protagonistaLira TV

...e sei protagonista

Centro Medico Specialistico Orio - la persona al centro delle nostre cureCesarmeccanica - Concessionaria Ufficiale Maserati e Suzuki - Rivenditore e riparatore autorizzato FerrariLa stazione di servizio pensata su misura per te - Vieni a provare i nostri carburanti

Lira TV

Centro Medico Specialistico Orio - la persona al centro delle nostre cureCesarmeccanica - Concessionaria Ufficiale Maserati e Suzuki - Rivenditore e riparatore autorizzato FerrariLa stazione di servizio pensata su misura per te - Vieni a provare i nostri carburanti

Tu sei qui: CuriositàCensis 2020: per l'Italia è stato l'anno della paura nera

Curiosità

E' necessario un ripensamento strutturale per la ricostruzione, per i prossimi dieci anni

Censis 2020: per l'Italia è stato l'anno della paura nera

Ma cova una gamma di potenzialità che possono rivelarsi una grande forza per lo sviluppo

Scritto da (Francesca Salemme), venerdì 4 dicembre 2020 16:58:48

Ultimo aggiornamento venerdì 4 dicembre 2020 16:58:48

Nel 2017 c'era l'Italia del rancore; il 2018 era l'anno di un'Italia che si confrontava col sovranismo; il 2019 l'anno di un'Italia incerta, vittima della sfiducia. E questo 2020? Per il Censis nessun dubbio: è l'anno della paura nera, l'anno in cui il Covid ha innescato una paura più generale, quella per e del futuro, costringendo gli italiani in un tunnel da cui ancora non si riesce a vedere la luce, a dispetto delle rassicurazioni che piovono ogni giorno.

Tant'è che - a guardare nel dettaglio di queste ultime settimane - il 79,8% degli italiani chiede di non allentare le restrizioni o di inasprirle per le feste. Il 54,6% spenderà di meno per i regali, il 59,6% taglierà le spese per il cenone del 31. Per il 61,6% la festa di Capodanno sarà rassegnata.

"Il sistema-Italia è una ruota quadrata che non gira: avanza a fatica, suddividendo ogni rotazione in quattro unità, con un disumano sforzo per ogni quarto di giro compiuto" evidenzia il 54mo Rapporto Censis. "Il virus ha colpito una società già stanca", si rileva, per questo "siamo stati incapaci di visione" e "il sentiero di crescita prospettato si prefigura come un modesto calpestio di annunci".

Di qui l'esigenza di "un ripensamento strutturale per la ricostruzione, per i prossimi dieci anni, per le nuove generazioni", per non rinchiudere la nostra società in una cultura del sussidio e del respiro breve.

"Non andrà tutto bene: il 44,8% degli italiani è convinto che usciremo peggiori dalla pandemia (solo il 20,5% crede che questa esperienza ci renderà migliori)".

Al Paese, dunque, non bastano più parole rassicuranti ma povere di significato, parole utili a enfatizzare un impegno generico di programmazione ma difficilmente capaci di trasformarsi in un'azione di ricostruzione. La resilienza, la mobilità sostenibile, la digitalizzazione dell'azione amministrativa, la rete unica ultraveloce, l'economia verde, l'investimento sui giovani sono concetti nobili ma al momento volatili: per rimettere in cammino l'economia e rimettere insieme la società occorrono interventi concreti e in profondità.

Il Censis indica una selezione degli ambiti d'intervento: un nuovo schema fiscale, il ridisegno del sistema industriale, un ripensamento strutturale dei sistemi e sottosistemi territoriali, con un dibattito sul Mezzogiorno - e qui il Censis mette in guardia - che precipitosamente affonda. Senza però trascurare che una nuova questione settentrionale si impone.

La pandemia Covid ha inoltre evidenziato che è il terzo settore attore e progettista dell'intervento sociale, ammortizzatore dell'inefficienza pubblica e privata, destinatario d'impegni pubblici ma anche indifferente alla selezione competitiva, custode di una cultura di responsabilità sociale i cui confini sono incerti.

C'e' poi quella che sembrerebbe una contraddizione: il non esserci adattati in modo ottimale alle grandi trasformazioni dei processi globali "rivela una flessibilità, una gamma di potenzialità che possono rivelarsi una grande forza per seguire traiettorie di sviluppo fino a ieri inattese".

Il Censis ci dice che nel timore e con cautela, il Paese "aspetta e sa di avere risorse, competenze, intuizione ed esperienza per ripensare e ricostruire a freddo i sistemi portanti dello sviluppo, che dal suo geniale fervore traspira rapido il nuovo".

È un'Italia che "attende di sentire di nuovo, quando dopo le lacrime altro non si avrà da offrire che fatica e sudore, il richiamo a rimettere mano al campo, senza volgersi indietro, guardando e gestendo il solco, arando diritti".

Galleria Fotografica

rank:

Curiosità

Curiosità

MovimentAIL, 200 persone sul Lungomare per la passeggiata solidale

Una passeggiata solidale per mostrare vicinanza e sostegno a chi sta vivendo un periodo di difficoltà: l'AIL di Salerno ha scelto di trascorrere così la Giornata Nazionale per la lotta contro le leucemie, linfomi e mieloma. La camminata sportiva sul lungomare di Salerno è il primo di una serie di iniziative...

Curiosità

Donne ai tempi del coronavirus, luci e ombre della condizione femminile durante la pandemia

Si è svolta questa mattina nella sala "Caduti di Nassiriya" della sede del Consiglio regionale della Campania la presentazione della pubblicazione "Donne ai tempi del coronavirus, luci e ombre della condizione femminile durante la pandemia" nata dalla sinergia tra la Consulta e la Commissione Pari Opportunità...

Curiosità

E’ online il primo test italiano sulla ‘motherhood penalty’ per giornaliste

Ha come obiettivo la promozione della cultura dell'inclusione lavorativa per le madri lavoratrici e l'inserimento di un articolo di tutela delle giornaliste madri nel Testo Unico dei doveri che regola l'attività professionale, il test sulla "motherhood penalty" voluto dalla Commissione Pari Opportunità...

Curiosità

Bagni pubblici: proposte per una migliore fruibilità

Legati al sistema igienico e alla modernizzazione della vita come infrastruttura, i bagni pubblici hanno assunto fin dalla loro comparsa - già nel 2000 AC le città della valle dell'Indo, potevano vantare la presenza di latrine collegate a rudimentali condotti fognari e ancor prima la civiltà Egizia ha...

Aeranti - Associazione delle radio e tv locali, satellitari, via internet, agenzie di informazione e concessionarie pubblicitarie televisivePositano Notizie - Voce dalla Costiera Amalfitana