Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 3 ore fa S. Angela Merici

Date rapide

Oggi: 27 gennaio

Ieri: 26 gennaio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Lira TV - ...e sei protagonistaLira TV

...e sei protagonista

Centro Medico Specialistico Orio - la persona al centro delle nostre cureCesarmeccanica - Concessionaria Ufficiale Maserati e Suzuki - Rivenditore e riparatore autorizzato FerrariLa stazione di servizio pensata su misura per te - Vieni a provare i nostri carburanti

Lira TV

Centro Medico Specialistico Orio - la persona al centro delle nostre cureCesarmeccanica - Concessionaria Ufficiale Maserati e Suzuki - Rivenditore e riparatore autorizzato FerrariLa stazione di servizio pensata su misura per te - Vieni a provare i nostri carburanti

Tu sei qui: PoliticaDefinita l'ossatura del nuovo DPCM, per gli italiani un Natale "giallo rafforzato"

Politica

Molti divieti in vigore saranno confermati, così come i colori giallo, arancione e rosso

Definita l'ossatura del nuovo DPCM, per gli italiani un Natale "giallo rafforzato"

Vietato lo spostamento tra le Regioni, dal 20 dicembre e per tutta la durata delle festività

Scritto da (Francesca Salemme), mercoledì 2 dicembre 2020 17:43:08

Ultimo aggiornamento mercoledì 2 dicembre 2020 17:43:08

Entrerà in vigore dopodomani, venerdì 4 dicembre il Dpcm che riscrive le regole per contenere i contagi da Covid-19.

Molti divieti in vigore saranno confermati, così come i colori giallo, arancione e rosso.

La speranza è che per le festività natalizie tutte le Regioni siano in fascia gialla, con un'indice di contagio basso e la tenuta delle strutture sanitarie. Ma ciononostante il premier Giuseppe Conte ha parlato di «giallo rafforzato» riferendosi soprattutto al divieto di spostamento tra le Regioni, all'obbligo di quarantena per chi torna dall'estero dopo il 20 dicembre (a chi invece torna prima di quella data sarà sufficiente sottoporsi al tampone) e alla scelta di mantenere il coprifuoco alle 22 anche nei giorni di Natale e Capodanno, così come gli impianti da sci chiusi.

Caduta l'ipotesi di poter raggiungere un accordo in sede europea e l'Italia ha deciso, quindi, di fermare le vacanze sulla neve (si sta ancora discutendo sull'apertura degli alberghi di montagna).

Sarà vietato lo spostamento tra le Regioni, anche quelle che si trovano in fascia gialla, dal 20 dicembre e per tutta la durata delle festività, fino a dopo l'Epifania. Misura che riguarderà anche i comuni ma solo il 25, 26 dicembre e 1 gennaio, come ha detto in Senato il ministro Speranza: "La scelta del governo è stata fatta per limitare al massimo i trasferimenti che, come accaduto la scorsa estate, hanno veicolato il virus in tutto il Paese". Sarà sempre previsto il ritorno presso la propria residenza o domicilio e si sta ancora discutendo se concedere deroghe per evitare che gli anziani debbano trascorrere le festività da soli, dunque consentendo a un parente stretto di muoversi. Tra le deroghe c'è quella che consentirebbe di raggiungere le seconde case anche se si trovano fuori regione, purché in fascia gialla.

Il coprifuoco rimane alle 22 e durerà fino alle 6 per l'intero periodo delle festività. La scelta del governo per evitare gli assembramenti è quella di impedire gli spostamenti dopo quest'orario anche la sera di Natale e quella di Capodanno. Nessuna deroga sarà prevista nei giorni festivi, le funzioni religiose dovranno dunque terminare entro un orario compatibile con il rientro a casa dei fedeli. Al momento l'indicazione della Conferenza episcopale è che ogni parrocchia organizzi le messe festive seguendo i protocolli. C'è comunque l'ipotesi di fornire un'indicazione riguardo alla messa di Natale che potrebbe essere celebrata alle 20.

I negozi chiuderanno alle 21 e i centri commerciali potranno rimanere aperti il fine settimana e nei giorni festivi prima del 20 dicembre. Dovranno restare chiusi invece durante le festività. Per i ristoranti rimane la chiusura obbligatoria alle 18 e dopo quest'orario saranno consentite soltanto la vendita d'asporto — con divieto di consumare cibo e bevande nelle vicinanze del locale — e la consegna a domicilio. Dopo lunga discussione dovrebbero restare aperti a pranzo i ristoranti a Natale, Santo Stefano e forse anche a Capodanno. Una soluzione che, secondo gli esperti del Cts, "eviterebbe i pranzi con un numero alto di commensali all'interno delle case favorendo invece gli incontri in luoghi che hanno regole ferree".

A Capodanno, infine, per evitare veglioni, anche i ristoranti degli alberghi potrebbero dover chiudere alle 18: per i clienti solo servizio in camera.

Galleria Fotografica

rank:

Politica

Politica

Vaccini: diverbio in conferenza Stato-Regioni tra Arcuri e De Luca

Nella riunione di ieri tra Governo e Regioni sul piano vaccini c'è stato un aspro diverbio tra il commissario Arcuri e il governatore campano De Luca. La lite tra Domenico Arcuri e Vincenzo De Luca rimbalza a sera già pochi minuti dopo la fine del vertice online convocato dal ministro per gli affari...

Politica

Piero De Luca sul rilancio del sistema industriale campano

«Finalmente le Zes possono partire con un contenuto pratico per le aziende», dice il deputato dem Piero De Luca, durante una sessione webinar con alcuni imprenditori campani. De Luca illustra i dettagli della norma su cui ha lavorato a lungo e che prevede la possibilità di sbloccare risorse per favorire...

Politica

Agricoltura: Assessore Caputo visita aziende con consiglieri Volpe e Picarone

Una giornata intensa dedicata esclusivamente all'agricoltura della Piana del Sele. I consiglieri regionali Andrea Volpe e Franco Picarone, in compagnia dell'assessore all'agricoltura Nicola Caputo, hanno visitato alcune delle eccellenze agroalimentari della Piana del Sele e del Cilento. «Ho voluto toccare...

Politica

Clochard morto, Cammarota: «si agisca». De Roberto: «no a speculazioni»

«Dopo la morte di Natale un altro senzatetto invisibile muore per il freddo nella civile città di Salerno nel silenzio e nell'indifferenza, tutto questo è intollerabile». Non ha usato certo il fioretto, l'avvocato Antonio Cammarota, presidente della commissione trasparenza, il quale rimarca come «da...

Aeranti - Associazione delle radio e tv locali, satellitari, via internet, agenzie di informazione e concessionarie pubblicitarie televisivePositano Notizie - Voce dalla Costiera AmalfitanaIl Vescovado - il giornale on line della Costa d'Amalfi