Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 12 ore fa S. Agostino v. di Canterbury

Date rapide

Oggi: 27 maggio

Ieri: 26 maggio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Lira TV - ...e sei protagonistaLira TV

...e sei protagonista

Centro Medico Specialistico Orio - la persona al centro delle nostre cureCesarmeccanica - Concessionaria Ufficiale Maserati e Suzuki - Rivenditore e riparatore autorizzato FerrariLa stazione di servizio pensata su misura per te - Vieni a provare i nostri carburanti

Lira TV

Centro Medico Specialistico Orio - la persona al centro delle nostre cureCesarmeccanica - Concessionaria Ufficiale Maserati e Suzuki - Rivenditore e riparatore autorizzato FerrariLa stazione di servizio pensata su misura per te - Vieni a provare i nostri carburanti

Tu sei qui: SportColantuono: «Le partite vanno sempre giocate. Tutte»

Sport

Il tecnico romano su Ribery: «Spero che il Signore lo conservi a lungo in queste condizioni»

Colantuono: «Le partite vanno sempre giocate. Tutte»

Nel derby la Salernitana ha tenuto testa alla capolista e per il trainer granata i suoi possono giocarsela con chiunque

Scritto da (Michele Masturzo), lunedì 1 novembre 2021 10:42:07

Ultimo aggiornamento lunedì 1 novembre 2021 10:42:07

E' una Salernitana più consapevole quella che perde il derby col Napoli ma, a differenza di quello che era accaduto con la Roma ad esempio, esce dal campo a testa alta, tra gli applausi dell'Arechi. La squadra granata ha retto il confronto con la capolista e non s'è disunita nemmeno dopo lo svantaggio, neanche dopo l'espulsione di Kastanos che l'ha lasciata in inferiorità numerica. Anzi. Preso per mano da Ribery e sospinto dal calore della sua gente, il team dell'ippocampo ha continuato a giocare e a tentare di rimettere in piedi la partita, convinta di potercela fare fino all'ultimo istante utile. Alla fine il risultato ha arriso alla capolista, ma mister Colantuono ha di che essere soddisfatto, la sua squadra ha dimostrato di aver compreso che al di là del valore e della posizione in classifica dell'avversario, tutte le partite vanno giocate. «Speriamo almeno di capire che, al di là del valore degli avversari, le partite vanno sempre tutte giocate. Purtroppo il gol di Zielinski ci ha scombinato tutto, perché gare del genere devono viaggiare sempre sul filo dell'equilibrio. Sono amareggiato per la sconfitta e per la gente che ci teneva, ma alla squadra non posso rimproverare nulla. Tatticamente siamo stati perfetti ancora Colantuono Abbiamo fatto quel che dovevamo. Il Napoli palleggia, ti costringe ad abbassarti. Aveva preparato bene la partita sul nostro sistema che concede un po' di ampiezza. Siamo riusciti a non farci schiacciare troppo e a lasciare qualcosa, se proprio dovevamo farlo, sugli esterni. Era chiaro che gli azzurri preparassero la partita col cambio gioco e noi siamo stati pronti a lavorare bene sul laterale, rischiando anche poco: non ho visto grandi interventi di Belec. Anche quando abbiamo preso gol, poi siamo riusciti a creare almeno due occasioni per poter rientrare sul binario della parità. Peccato, da queste partite bisogna tirare fuori il risultato positivo. Un punticino in più non guastava, ma non possiamo che ripartire dalla prestazione».

E su Ribery, in campo per tutta la durata del derby, Colantuono non può che esprimersi così: «Spero che il Signore lo conservi a lungo in queste condizioni perché siamo molto attaccati a lui».

Galleria Fotografica

rank:

Sport

Sport

Raduno, Mancini valuta Ruggeri e Zortea

Non solo la gioia incontenibile per l'impresa centrata contribuendo alla salvezza della Salernitana, ma anche l'emozione di poter indossare la maglia della nazionale italiana. Per i calciatori granata Nadir Zortea e Matteo Ruggeri la stagione 2021/22 si è conclusa come meglio non poteva. Subito dopo...

Sport

Salernitana, piano di cinque anni in serie A

Cinque anni per passare dalla salvezza ad un posto di centro classifica e magari all'Europa. Il progetto sportivo della Salernitana è importante e punta in alto. Non mancano le ambizioni al presidente Danilo Iervolino che vuole essere protagonista nel calcio italiano e non una semplice meteora. Pronto...

Sport

Nicola alla Salernitana per un altro anno

Davide Nicola guiderà ancora la Salernitana. Trovato l'accordo, con contratto annuale, tra l'allenatore e Danilo Iervolino, con l'approvazione di Walter Sabatini. Si prosegue lungo la strada intrapresa il 15 febbraio, il giorno dopo San Valentino. Sembra una storia d'amore quella tra Nicola e Salerno....

Sport

Riscatti, la salvezza regala alla Salernitana una buona base da cui ripartire

La permanenza in Serie A, fondamentale per costruire qualcosa di ambizioso in futuro, ha un costo notevole per le casse della Salernitana. La salvezza fa infatti scattare in automatico i riscatti di Bohinen, Mikael, Mazzocchi, Jaroszynski e Sepe, oltre ai rinnovi di Ribery e Obi. Per il centrocampista...

Aeranti - Associazione delle radio e tv locali, satellitari, via internet, agenzie di informazione e concessionarie pubblicitarie televisivePositano Notizie - Voce dalla Costiera Amalfitana