Cisl Fp: sanità privata e terzo settore verso lo sciopero

Francesca De Simone

Il Coordinamento della Sanità Privata e del Terzo Settore ha deciso di organizzare gli stati generali ed eventualmente lo sciopero dell’intero comparto, alla luce delle enormi criticità che lo attanagliano: ad annunciarlo è il Coordinatore del settore Antonio De Sio, attraverso una nota della Cisl Fp di Salerno. Stipendi non erogati o erogati con gravi ritardi, mancato confronto su materie deputate alla contrattazione integrativa, difformità nell’applicazione dei contratti collettivi di lavoro e rischio notevole del mantenimento degli attuali livelli occupazionali: sono questi i motivi che impongono un’immediata vertenza su tutto il territorio provinciale. Il Segretario Provinciale della CISL FP di Salerno Alfonso Della Porta pone l’accento sulla necessità di aprire un confronto serrato con la Direzione Strategica dell’ASL Salerno che ha l’obbligo di verificare ogni percorso al fine di omogeneizzare le attività sanitarie e socio assistenziali su tutto il territorio provinciale e garantire una concreta integrazione tra pubblico e provato all’interno della complessa filiera assistenziale. “Le criticità anno dopo anno si ripresentano sempre uguali a se stesse” – evidenzia il Capo Dipartimento della Sanità Pubblica e Privata della CISL FP di Salerno Pietro Antonacchio. “E’ necessario concordare con l’Asl soluzioni strutturali a criticità che da oltre un decennio non trovano risposte adeguate alle aspettative dei lavoratori e dell’intera comunità” – incalza il Segretario Generale della CISL FP di Salerno Miro Amatruda. Frattanto, si è deciso di organizzare gli Stati generali della Sanità e del Terzo settore per la vertenza in atto, senza porre alcun pregiudizio nel ricercare collaborazione e percorsi praticabili nel rispetto della legittimità delle norme e dei ruoli, ma nel contempo non arretrando rispetto a tali considerazioni anche a costo di organizzare lo sciopero di tutto il comparto nella provincia di Salerno.

Leggi anche