È tornato a Salerno il 24enne dopo aver girato l’Italia per sei giorni con mezzi di fortuna

Guglielmo Belmonte riabbraccia amici e famiglia

“Sola ora mi rendo conto e chiedo scusa a tutti per il danno arrecato"
Alessandro Ferro

Dopo sei giorni Guglielmo Belmonte è tornato a casa a Salerno. Dopo aver temuto il peggio, la famiglia ha potuto riabbracciarlo. Ad accoglierlo c'erano anche gli amici che, nell'ultima settimana, hanno attivato qualsiasi contatto o conoscenza in giro per l'Italia per ritrovarlo. Guglielmo è stato rintracciato ieri mattina al parco della Montagnola a Bologna. Era stanco e dimagrito dopo aver trascorso sei giorni tra la Costiera Amalfitana e Bologna.

"Sola ora mi rendo conto e chiedo scusa a tutti per il danno arrecato. Mi dispiace molto ma non ero lucido in quel momento, non avevo voglia di stare con gli altri, avevo bisogno di pensare un po' per i fatti miei" si legge in un'intervista del ragazzo al Mattino. Fondamentale è stato il lavoro delle forze dell'ordine che hanno attivato le ricerche mettendo insieme qualsiasi elemento ritenuto utile.

Il primo avvistamento venerdì sera a Cetara, poi domenica ad Amalfi. Tre giorni dopo una foto da Bologna ha spostato l'attenzione lì. Infine ieri mattina il ritrovamento nel parco del capoluogo emiliano. Ora Guglielmo è a casa. Questa è la cosa più importante. La notizia che le tante persone che si sono preoccupate per lui aspettavano di sentire. Sui perché della sua fuga è meglio non approfondire. A tutti noi basta sapere che Guglielmo sta bene.

Leggi anche