Ischia, Coldiretti Campania: stop consumo del suolo

Francesca De Simone

Un territorio sempre più fragile, anche a causa dell’abbandono e dalla cementificazione che hanno ridotto la capacità di assorbimento della pioggia e messo a rischio l’ambiente e la sicurezza dei cittadini con frane e alluvioni: è quanto denuncia Coldiretti Campania nell’esprimere profondo cordoglio per le vittime provocate dalla frana a Casamicciola sull’isola d’Ischia. Se i cambiamenti climatici tendono alla tropicalizzazione, con una più elevata frequenza di manifestazioni violente, sfasamenti stagionali, il consumo di suolo è un fenomeno inarrestabile. Negli ultimi 50 anni è scomparso quasi 1 terreno agricolo su 3 (-30%). In Campania solo negli ultimi 10 anni la superficie agricola utilizzata è passata da circa 590 mila ettari a poco più di 550 mila, con una riduzione dell’8%. Pertanto – spiega Coldiretti Campania – quasi 40 mila ettari sono spariti dalla manutenzione delle aziende agricole a causa della cementificazione oppure dell’abbandono. Entrambi i fenomeni riducono la resilienza del suolo rispetto ai fenomeni atmosferici. La prevenzione del dissesto idrogeologico – sottolinea Coldiretti Campania – passa attraverso il recupero di suolo agricolo e la manutenzione delle aree boschive. Per queste ragioni la Campania deve difendere il proprio patrimonio agricolo e la propria disponibilità di terra fertile con un adeguato riconoscimento sociale, culturale ed economico. Alla popolazione di Casamicciola e di Ischia – conclude Coldiretti Campania – occorrono un sostegno immediato e concreto, ma per mettere fine alla conta delle emergenze è necessario accelerare sull’approvazione della legge sul consumo di suolo che giace da anni in Parlamento e che potrebbe dare vita ad uno strumento all’avanguardia per la protezione del suo territorio.

Leggi anche