Nicola spera di poter utilizzare il regista mancino dal primo minuto in casa del Sassuolo

Salernitana: ieri paura per Bohinen, ko in allenamento

Il norvegese è rimasto piantato nel terreno e si è accasciato
Michele Masturzo

Un po' di paura ieri quando Emil Bohinen, dopo una giocata delle sue, si è piantato in una zolla al Mary Rosy e si è accasciato al suolo. Il centrocampista norvegese è appena rientrato in gruppo dopo l'infortunio al collaterale rimediato in Coppa Italia e l'incidente di ieri ha creato apprensione in seno a staff tecnico e staff medico. Bohinen ha ripreso ad allenarsi negli scorsi giorni a pieno regime dopo un mese e mezzo trascorso tra riposo, terapie, lavoro in piscina e sedute differenziate. Ora, per lui, è iniziata la fase della verifica: gli allenamenti completi, il lavoro col pallone e i contrasti, per verificare se la terapia conservativa abbia funzionato e controllare che non subentri dolore o gonfiore all'arto infortunato. La speranza è che ieri Bohinen si sia principalmente spaventato, visto che ha dovuto mordere il freno prima dell'avvio del campionato di Serie A, e che non abbia riportato conseguenze. La palla passa al campo. Nicola spera di poter contare su di lui già per la gara di domenica 2 ottobre a Reggio Emilia: al Mapei Stadium Bohinen, se tutto procederà per il verso giusto, riprenderà il suo posto in cabina di regia, mentre Coulibaly, Vilhena e Maggiore si contenderanno le altre due maglie disponibili, a meno che il trainer granata, che sta sperimentando nuove soluzioni approfittando della sosta (tra queste anche il 4-3-3 con Candreva esterno d'attacco), non decida di schierarli contemporaneamente (a gara in corso o dall'inizio) in un centrocampo a rombo, in cui l'olandese può agire alle spalle delle punte.

Leggi anche