Scafati Basket, sconfitta con Varese e divorzio da Rossi

Michele Masturzo

L’amaro esordio al PalaMangano, con lo Scafati Basket superato a domicilio da Varese, costa caro a coach Alessandro Rossi. La società del presidente Longobardi ha dato il benservito al tecnico della promozione, che ha firmato la rescissione consensuale del contratto. Il bilancio stagionale (una vittoria a fronte di 5 sconfitte) non è soddisfacente e, nonostante tutte le attenuanti del caso (gara casalinghe giocate a Napoli, infortuni, ingaggio in corsa di Logan), il club ha deciso di voltare pagina ed ora è alla ricerca del nuovo condottiero che potrà sfruttare la sosta per gli impegni delle nazionali al fine di lavorare su quello che non ha funzionato nemmeno contro Varese.
Tranne che nei primi minuti della contesa, gli ospiti sono stati sempre in vantaggio ed hanno legittimato il successo con una prestazione determinata e con superiori percentuali al tiro da due (76% contro 50%) rispetto ai padroni di casa. Rossato e soci sono stati praticamente costretti sempre ad inseguire, in più di una occasione hanno dato l’impressione di poter invertire la rotta, ma ogni qual volta che si sono avvicinati all’avversario ed avrebbero dovuto mettere la freccia, non sono mai riusciti a trovare quel guizzo che avrebbe potuto cambiare l’inerzia della partita. Alla fine i lombardi si sono imposti per 93-101, rovinando la festa dei tifosi gialloblu, che finalmente hanno potuto affollare gli spalti del PalaMangano, dopo l’esilio delle prime gare casalinghe andate in scena al PalaBarbuto di Napoli.

Leggi anche