Da una prima lettura si evincono diverse curiosità, come l'onorario dei due trustee (500 mila euro)

Trust Salernitana 2021, depositato l’atto di costituzione

La scrittura privata autenticata da un notaio è consultabile presso la Camera di Commercio
Michele Masturzo

Da ieri è disponibile presso la Camera di Commercio l'atto di costituzione del Trust Salernitana 2021, con cui la Morgenstern e la Omnia Service One, società riconducibili a Lotito e Mezzaroma, hanno ceduto le loro quote ai trustee Widar e Melior, rappresentati da Paolo Bertoli e Susanna Isgrò.

Si tratta di una scrittura privata autenticata dinanzi al notaio Natale Votta di Roma il 25 giugno, giorno della fatidica prima deadline imposta dalla Federcalcio per la risoluzione del problema multiproprietà. Nell'atto composto da sedici pagine non vi sono elementi che influenzeranno la vendita del club.

Sfogliando le carte, si nota che i due ex co-patron, ai quali spetteranno gli introiti della vendita, hanno dichiarato l'assenza di "pesi, vincoli, oneri, diritti di prelazione, pegni e gravami di qualsiasi natura" e di "non aver nulla a pretendere dalla società".

Si precisa inoltre che i trustee accettano e acquisiscono la piena proprietà delle quote dell'uno e dell'altro socio: si tratta di piena proprietà, ma pur sempre temporanea, "dalla quale il trustee non può trarre alcun vantaggio". Essi hanno ricevuto un "mandato irrevocabile senza rappresentanza a vendere, senza alcuna influenza delle disponenti. Ogni vantaggio dalla vendita delle partecipazioni a terzi apparterrà direttamente alle disponenti come se alla vendita provvedessero esse stesse direttamente".

La "causa concreta" del trust è la cessione definitiva della società entro il 31 dicembre, termine prorogabile di 45 giorni qualora venisse "concluso un accordo vincolante di alienazione a terzi con in corso gli adempimenti previsti per il suo perfezionamento entro tale termine".

E' stabilita l'indipendenza decisionale ed economica dei trustee, che riceveranno un onorario di 500 mila euro ciascuno: stando a quanto dichiarato nel documento dai proprietari uscenti, la Salernitana "disporrà di finanza propria in quanto avrà diritto di ricevere un acconto sui diritti tv di circa 7 mln e potrà avere agevole accesso a linee di credito a valere sui restanti diritti tv del valore di almeno 25 mln ed essere titolare di crediti sportivi".

Leggi anche