Salernitana, difesa a quattro con Troost-Ekong

Alessandro Ferro

Avanti con la difesa a quattro. Dopo la gara interna con il Napoli, anche dopodomani in trasferta a Lecce la Salernitana giocherà con quattro difensori davanti al portiere Ochoa. Assetto che ha dato maggiore compattezza alla retroguardia, pur affrontando la capolista che ha chiuso il girone di andata con 12 punti di vantaggio sul Milan secondo. Verso la conferma Daniliuc a destra e Bradaric a sinistra. Pronto a scendere subito in campo l’ultimo arrivato Troost-Ekong che si piazzerà al centro della difesa affiancato da uno tra Lovato e Pirola, con quest’ultimo favorito. Si parte così ma, in base all’andamento del match, la Salernitana può passare facilmente alla difesa a tre facendo salire Bradaric a sinistra. In avanti Piatek sarà ancora la punta centrale. Alle sue spalle Dia, con la speranza di vederlo più vicino alla porta, e Candreva, chiamato a dare manforte al centrocampo dove non si escludono novità. Nicolussi Caviglia, in questo momento, è sicuro di una maglia. Sarà titolare anche Coulibaly, nonostante il calo di rendimenti delle ultime gare. Vilhena, invece, rischia il posto. Anche con il Napoli non ha inciso, Nicola lo tiene in grande considerazione ma a Lecce potrebbe preferirgli Bohinen, sperando di ritrovare il norvegese del passato. In questa ultima ipotesi, Bohinen giocherebbe davanti alla difesa, Coulibaly e Nicolussi Caviglia farebbero gli interni. Ancora fuori Bonazzoli che quest’anno fatica ad essere incisivo come nella scorsa stagione.

Leggi anche