Bilancio in rosso, sforzi necessari per centrare la salvezza

Michele Masturzo

Emergono particolari molto interessanti dal primo bilancio dell’era Iervolino, anche se la chiusura dell’esercizio al 30 giugno 2022 con una perdita di 16 milioni e 791 mila euro riguarda solo per sei mesi il nuovo presidente Salernitana. Come si può leggere nell’articolo pubblicato oggi dal Mattino, il mercato dello scorso mese di gennaio condotto da Walter Sabatini, risultato decisivo per consentire al team dell’ippocampo di centrare una salvezza miracolosa, è costato 16,64 milioni di euro (con 3,8 milioni di euro di debiti nei confronti dei procuratori e 3,3 milioni di euro di premio per il raggiungimento dell’obiettivo della permanenza in A).
Dopo l’amministrazione ordinaria condotta dai trustee, con l’obiettivo dell’autofinanziamento e dell’equilibrio economico, nella seconda metà di stagione la Salernitana ha potuto accelerare grazie alle risorse immesse dalla nuova proprietà: Iervolino, dopo aver fatto ricorso all’anticipo dei crediti (in particolare i diritti tv, che hanno fruttato complessivamente 28,3 milioni di euro) ha ricapitalizzato per 8,5 milioni (5 ad agosto per il mercato estivo e 3,5 a dicembre per coprire il disavanzo e permettere alla società di operare sul mercato di riparazione).
Tornando al bilancio al 30 giugno 2022, approvato lo scorso 15 dicembre, il valore dell’attività ammonta a 62,8 milioni (43,4 solo per gli ingaggi di 45 calciatori, 5 dirigenti e 21 tecnici), con un patrimonio netto di 3,6 milioni e posizione finanziaria netta attiva di 5 milioni. Il valore attribuito alla rosa dei calciatori 2021/22 è di 26,8 milioni, quello alle immobilizzazioni materiali (impianti per la sede, arredi, automezzi) di 703mila euro; diritti d’uso di immobili e attrezzature in locazione per 968mila euro (+280mila euro rispetto all’anno prima).
Alla voce entrate, oltra a quelle legate ai diritti tv, le voci più importanti sono rappresentate da botteghini (6,87 milioni), sponsorizzazioni (5, 16 milioni), contributi dalla Lega A (2,3 milioni).

Leggi anche